Ecco tutti i meccanismi di difesa per evitare un cuore in mille pezzi

Non sono distante, ma sulla difensiva. Ecco quali sono tutti i meccanismi di difesa per evitare un cuore spezzato.

La paura che ci venga spezzato il cuore in mille pezzi, se si parla di amore, a volte è tanta e incondizionata. Difendersi dalla sofferenza è umano, ma non sempre è la scelta giusta. Il più delle volte se si cerca di difendere, con la spada tra i denti, i nostri sentimenti si finisce per rimanere soli e delusi. Molte volte i meccanismi di difesa che auto inneschiamo ci fanno sembrare acidi, distanti e disinteressati, anche quando così non è. Lasciarci andare è l’unica soluzione, ma prima cerchiamo di capire quali sono i meccanismi di difesa più comuni e utilizzati.

La proiezione

Questo meccanismo di difesa porta a proiettare su altri sentimenti o emozioni che chi soffre non riesce ad ammettere a voce alta e a sé stesso. Questa difesa psicologica tende ad attribuire agli altri tutto quello che c’è di negativo nella propria vita. Attenzione però la colpa non è mai solo di una persona (il più delle volte) quindi assumetevi le vostre responsabilità e riflettete sui vostri possibili errori. I meriti non sono tutti vostri e le colpe non sono tutte degli altri!

La negazione

La negazione è il meccanismo di difesa più primitivo in assoluto in amore. La negazione della realtà è una comune reazione al dolore. Solitamente si verifica dopo un tradimento grave o la fine di una relazione. Ebbene sì, anche dire che il vostro ex era uno stronzo e non l’avete mai amato (anche se non è vero) è un meccanismo di difesa.

La razionalizzazione

person writing on a book

Se sei una persona riflessiva e pacata la tua reazione ad un trauma è razionale. Valuti i pro e i contro della situazione, cerchi di capire l’altra persona e il perché delle sue scelte. Con te vince il ragionamento mentale per reprimere i sentimenti e cercare di ricucire un cuore spezzato. Bell’approccio, complimenti. Ma ora che sei sola puoi anche farle scendere due lacrime e dando libero sfogo ai tuoi sentimenti.

La rimozione

Dimenticarsi di momenti belli e brutti per paura di soffrire, questa è la rimozione in amore. Questo meccanismo di difesa s’innesca per difendersi dall’ansia e dall’angoscia che si provano alla fine di una storia. Ci si dimentica del primo bacio, dei bei momenti trascorsi insieme, delle litigate, delle passeggiate in riva al mare al tramonto e… . Insomma, tutto scompare dalla memoria grazie alla nebbia della sofferenza.

La repressione

Più noto come “tenersi dentro tutto”, questo meccanismo di difesa porta a reprimere ogni sentimento negativo. I brutti pensieri, il dolore e gli avvenimenti spiacevoli vengono tutti accantonati, sperando che ignorandoli spariscano, ma non è così. I sentimenti non spariscono magicamente, sia che si tratti di amore che di dolore. I sentimenti non si nascondono, non si reprimono all’infinito, ma si affrontano giorno dopo giorno per uscirne più forti e per non rovinare possibili rapporti futuri.



Silvia Menon