Curiose case cubiche nella città di Rotterdam

Le case cubiche, sono una curiosa meraviglia architettonica situata a Rotterdam, Paesi Bassi, ideato negli anni 70 dall’architetto olandese Piet Blom.
A Blom fu richiesto dagli urbanisti di risolvere il dilemma di costruire case sulla cima di un ponte pedonale, e visto che l’architetto aveva costruito case simili in precedenza, decise di ripetere il disegno anche a Rotterdam.

Strutturalmente, i cubi poggiano inclinati su di un palo esagonale.
All’interno, le case sono divise in tre livelli accessibili tramite una stretta scala. Il piano inferiore è una zona triangolare usata come soggiorno. Il livello centrale ospita la camera da letto ed il bagno, mentre il livello più alto, è una zona di riserva utilizzato come seconda camera da letto o secondo soggiorno. Completano il design inclinato, le pareti e le finestre tutte di un angolo di 54,7 gradi, che offrono una splendida vista della zona del vecchio porto circostante.
L’unico inconveniente, a parte la claustrofobia, è che, nonostante una superficie complessiva di 100 metri quadrati, solamente un quarto di quello spazio è effettivamente utilizzabile.

A parte l’unicità del design asimmetrico, le case cubiche hanno lo scopo di rappresentare una foresta astratta. Secondo Blom, la parte superiore triangolare di ogni singola casa dovrebbe rappresentare un albero astratto, che, collegato con il vicino, diventa un mare di alberi in una gialla foresta.



redazione