Che cos’è la stampa 3D e perché è diventata così popolare?

Sempre più spesso si sente parlare di stampa 3d, ormai utilizzata tanto in diversi settori lavorativi quanto per semplice divertimento. Ma siamo sicuri di conoscere davvero questa novità che sta rivoluzionando il modo di fare le cose? In questo articolo capiremo meglio che cos’è la stampa 3d, come funziona, e quali sono le ragioni del suo successo.

Che cos’è la stampa 3d

Ideata per la prima volta a metà degli anni 80’, la stampa 3d non è altro che la realizzazione di oggetti mediante un procedimento che viene chiamato manifattura additiva. Questo tipo di procedimento si caratterizza per il fatto che, anziché partire da un blocco di materiale – ad esempio un blocco di marmo-, e lavorarlo fino a dargli la forma desiderata, il materiale viene aggiunto progressivamente sovrapponendo diversi strati uno sull’altro. Il tutto fino alla creazione di un determinato oggetto che è stato progettato grazie a un apposito software.

In poche parole, con il software si elabora un modello digitale tridimensionale di un determinato prodotto. Inviando l’imput alla stampante, il modello viene realizzato con il procedimento additivo sovrapponendo gli strati di materiale. Il tutto senza che siano necessari strumenti esterni come taglierini o frese, tipicamente utilizzati nell’industria manifatturiera.

pastedGraphic.png

Quali sono i vantaggi della stampa 3d?

Sebbene al momento sia difficile pensare che la stampa 3d possa rimpiazzare completamente la tradizionale industria manifatturiera, la sua introduzione su larga scala ha già dato dei risultati sorprendenti. Non sono pochi, infatti, i settori in cui questa tecnica si è rivelata utile per introdurre prodotti dal design funzionale, realizzati rapidamente e con materiali di qualità.

I vantaggi della stampa 3d, infatti, consistono principalmente nel fatto che si tratta di un procedimento manifatturiero estremamente veloce e preciso. Questo è utile ad esempio per la creazione di prototipi per gli studi professionali, o per la realizzazione di piccole componenti dalla forma molto complessa. Inoltre, ha un costo contenuto, e può essere realizzata non solo con la plastica come in passato, ma anche utilizzando materiali pregiati e resistenti come la fibra di carbonio.

Perché la stampa 3d è diventata così popolare?

Come abbiamo già detto, la stampa 3d è ormai utilizzata non più solo nei settori industriali, ma anche da piccoli studi privati o per semplice divertimento. Sono sempre di più le persone, infatti, che scelgono di acquistare una stampante 3d e divertirsi a creare oggetti. Il motivo? Anzitutto, i modelli più recenti non hanno più un costo proibitivo come succedeva qualche anno fa. Inoltre, il consumo di energia di una stampante 3d è pari a quello di un pc portatile. 

pastedGraphic_1.png

Questo permette ai creativi, anche grazie alla precisione di stampa, di dare libero sfogo alla fantasia realizzando modelli anche molto complessi. Ma non solo: persino chi non ha competenze nella progettazione può stampare da solo i propri oggetti, ad esempio piccoli pezzi di ricambio, perché diversi modelli sono facilmente reperibili online. E non manca, infine, chi sottolinea che la stampa 3d sia più conveniente in termini di eco sostenibilità.

Vuoi sapere se la stampa 3d fa per te?

Se anche tu sei affascinato dall’idea di realizzare da solo i tuoi prototipi o creare dei piccoli e grandi oggetti per utilità o per divertimento, dovresti seriamente valutare l’acquisto di una stampante tridimensionale. Dal momento però che oggigiorno il mercato propone numerosi modelli, con caratteristiche anche molto diverse tra loro, il primo consiglio è quello di informarsi su quale sia la migliore stampante 3d economica. 

Da valutare in particolare i materiali che possono essere utilizzati, perché alcune stampanti lavorano solo con alcuni o uno solo di essi, e il processo di stampa. Ci sono infatti diversi procedimenti per la stampa additiva, tutti egualmente validi in termini di efficacia, ma che possono incidere sulla velocità di creazione e sulla resistenza del modello. Da considerare infine anche la qualità di stampa, per non rischiare di spendere somme relativamente alte per modelli dalle performance più adatte all’uso professionale che all’hobbystica.



redazione