libri
da Midnight Factory

Censurati o ritirati dal commercio: l’indice dei libri proibiti oggi

Diciamocelo, la censura non piace a nessuno. E quando accade ai libri è ancora peggio! Ogni giorno in Italia ringraziamo di non abitare in certi altri Paesi, dove è molto più facile che un libro venga censurato o che tutte le sue copie vengano bruciate. Ma non dobbiamo pensare di essere immuni a certe dinamiche! Ecco una carrellata di libri censurati o ritirati dal commercio, a volte dai loro stessi autori. I temi sono i più svariati, certi sfideranno la nostra soglia di tolleranza. E allora riusciremo a dire “non sono d’accordo con quello che dici ma darei la vita affinché tu possa dirlo”?

Libri ritirati negli Stati Uniti

Purtroppo gli Stati Uniti sono tristemente noti per avere un approccio non proprio liberale su ciò che può essere espresso nei libri. La terra della libertà ha associazioni di genitori pronti a mettere all’Indice libri per bambini e ragazzi, anche quelli appartenenti ai grandi classici come Huckleberry Finn. Ecco un paio di esempi un po’ meno noti:

libri
da Amazon

Stephen King: Ossessione

Ebbene sì, uno dei libri di Stephen King figura nella lista! Ossessione è un’opera giovanile del noto scrittore, pubblicata sotto lo pseudonimo di Richard Bachman. La vicenda segue le “gesta” di Charlie, un ragazzo disturbato, in contrasto con suo padre e con la società in generale, che un giorno spara al suo professore e tiene in ostaggio la classe. Impossibile non collegare il romanzo con le tristi vicende delle sparatorie nelle scuole americane: Stephen King ha accettato di ritirarlo dal commercio per evitare che lo si emulasse.

Al giorno d’oggi il libro è molto difficilmente reperibile, il che è un peccato: si tratta di un libro molto interessante, uno spaccato della gioventù americana di quel periodo. A tratti molto profondo e senza peli sulla lingua.

libri
da Booko

Fight Autism and Win e Healing Autism

Questi due libri, rispettivamente di Jan Martin, Rebecca Claire, Tressie Taylor e Kerri Rivera sono stati ritirati da Amazon dopo un’accusa da parte di Wired. Secondo Wired, infatti, questi libri promuovono metodi per combattere i sintomi dell’autismo nei bambini; metodi parascientifici se non proprio pericolosi, come la somministrazione di sostanze simili alla candeggina o medicinali usati per trattare l’avvelenamento da piombo.

libri
da Goodreads

Libri ritirati in Italia

Siamo decisamente meno amanti della censura, ma alcuni libri-scandalo sono stati ritirati dal commercio anche da noi. Vediamo quali.

libri
da Amazon

Luther Blisset: Lasciate che i bimbi

Luther Blisset è il nome collettivo di un certo numero di artisti e attivisti italiani, volti a denunciare la malafede dei mass-media. Il libro in questione è edito da Castelvecchi e distribuito online; i Luther Blisset nel saggio esprimono posizioni apologetiche riguardo la pedofilia, ma non è stata questa la pietra dello scandalo. Nel 2001 è stato ritirato dal commercio a causa di due capitoli intitolati “Bambini di Satana, anatomia di una montatura” e “Il caso Dimitri è chiuso”. In questi capitoli si lede la reputazione del pubblico ministero Lucia Musti, che coordinò le indagini sui Bambini di Satana. La pubblicazione ha potuto continuare grazie alla cancellazione dei due capitoli incriminati.

da libreriauniversitaria.it

Roberto Speranza: Perché guariremo

Neanche i ministri della Salute sono immuni a certe dinamiche. Nel 2020 Roberto Speranza pubblica un libro che parla del Covid19. O almeno ne vorrebbe parlare: viene ritirato subito dal commercio, con la giustificazione, da parte del Ministro, di non avere il tempo per promuoverlo.

Le ragioni possiamo soltanto supporle. Cristina Gauri sospetta che sia a causa di un potenziale danno all’immagine: nel libro il Ministro sembra convinto di aver imposto un modello vincente per la lotta al Coronavirus, ma la situazione non ha avuto i miglioramenti pronosticati.

da Amazon,it

Bernardo Caprotti: Falce e Carrello

Il fondatore dell’Esselunga scrive un libro-denuncia contro i favoritismi di cui godrebbero le Coop. Il Tribunale di Milano ha riscontrato un reato di concorrenza illecita e ha perciò condannato lo scrittore e l’editore Marsilio a risarcire la Coop… ma soprattutto la pubblicazione è stata bloccata e le copie sono state ritirate dal commercio, provvedimento che ha fatto molto discutere.

E voi? Conoscevate questi libri? Vi viene voglia di leggerli per puro spirito di bastian contrario? Oppure siete a conoscenza di altre opere che, in tempi moderni, sono state ritirate o censurate?

 



Giulia Taccori