Anche le escort attivano la modalità smart work durante l’epidemia da coronavirus

Sul sito dell’Inps fino ad oggi, sono state presentate  oltre 2 milioni di domande per avere accesso alle 600 euro di sostentamento offerte a tutti i cittadini, che a causa dell’epidemia coronavirus, hanno dovuto sospendere le loro attività lavorative.

Circa il 12 % delle domande presentate, viene compilata da parte di escort.
Le loro attività amatorie, hanno subito in questi giorni, un netto calo di richieste, le condizioni di vita dettate dal decreto ministeriali, hanno bocciato le loro opportunità lavorative, e poi le distanze di prevenzioni da mantenere, certo non giovano alla loro attività, come si può facilmente comprendere
Anche per loro si è attivata la modalita di smart working, dagli ultimi dati di Escort Advisor, il sito di recensioni di escort più visitato in Europa con oltre 2 milioni di utenti mensili solo in Italia, emergono diversi comportamenti  in questo momento di blocco totale delle attività.

 

Tra le escort, c’è chi ha appunto, dovuto adottare lo smart work iniziando ad offrire videochiamate erotiche ai propri clienti che non le possono visitare, altre non avendo la possibilità di attivare il servizio erotico da casa, dove si trovano a trascorrere la loro quarantena, stanno utilizzando i vecchi risparmi,mentre, per le meno virtuose,  si ricorre ai servizi di carità delle varie associazioni di solidarietà sul territorio.

La scelta comunque di optare per il lavoro da casa, con la produzione di video amatoriali erotici, secondo i dati può e sta dando ottimi risultati.

Un dato interessante è che le ricerche su Google del settore escort sono diminuite in media del -17% nell’ultima settimana, mentre quelle del brand “Escort Advisor” sono aumentate nello stesso periodo del +24%. I clienti delle escort vogliono continuare ad informarsi nell’attesa di poter uscire di nuovo in sicurezza. Le ricerche legate al tema “escort” riferito a città risultano essere diminuite: parola chiave su Google “escort Roma” -8%, “escort Milano” -1%, “escort Verona” -9%, “escort Bologna” -5%, “escort napoli” -9%. Nella settimana appena conclusa (30 marzo – 5 aprile), Escort Advisor è cresciuto più della media del settore. Il traffico ha avuto un incremento rispetto alla scorsa settimana: prima del +5% (rispetto alla settimana 16/3-22/3), fino ad arrivare al +19% (rispetto al 23/03-29/03) .

 Aumentati quindi anche gli accessi al sito dalle singole città: Roma +15%, Milano +8%, Verona +4%, Bologna +9%, Napoli +28%. Questo perchè Escort Advisor continua a mantenere un contenuto informativo che interessa ai clienti delle escort: sul sito sono tuttora visibili più di 68.700 profili di escort con recensioni, poiché raccoglie giornalmente tutti i numeri di telefono associati ad annunci di escort pubblicati su tutte le bacheche online italiane. In più, quelli che gli utenti sfogliano non sono i classici annunci, ma veri e propri profili che le sex workers curano per promuoversi.

Nascono le porno influencer, che attraverso i loro video amatoriali, seguono appassionatamente i loro clienti in aperitivi a lume di candela nei contesti più strani, dalle case dei loro clienti, con vista sul balcone, o con le enormi fantasie negli scenari più hot, si comincia sorseggiando un calice di vino insieme, per finire nei meandri più perversi di una notte erotica insieme si, ma rigorosamente virtuale.

Per molte di loro però, dove l’audacia e le capacità da palcoscenico non sono particolarmente apprezzate lo scenario di vita diventa confuso ed incerto.

Molti vecchi clienti, tassandosi un po per uno, continuano a versare delle quote per mantenere economicamente in vita le loro amate escort, pur non condividendo il piacere sessuale insieme.

Sui vari siti sono milioni le consultazioni, ma fugaci nel tempo, ovvero spesso del tipo lampo stampo, infatti, molti uomini, pur avendo oggi, molto tempo a disposizione per potersi dedicare al loro svaghi ludici di sesso, hanno la presenza costante della moglie attorno, che di certo diventa un grande ostacolo, per cui occhio allo smart work del proprio marito, perchè in realtà potrebbe incentivare gradevolmente il lavoro a casa di qualche prorompente escort. Ma si sa, noi italiani, siamo molto solidali sempre.



Alessandra Filippello