@unicef

Afghan Dreamers, le ragazze della robotica sono salve in Qatar

Quattro anni fa celebravano la loro vittoria in una competizione di robotica internazionale a Washington oggi hanno paura di non riuscire più a proseguire con i loro studi. Stiamo parlando di un gruppo di una ventina di donne che fanno parte della Digital Citizen Fund. 

Il team, noto come Afghan Dreamers, ha richiesto a gran voce aiuto da parte del Canada che si è impegnato a concedere 20.000 visti agli afgani, soprattutto su donne, bambini, minoranze religiose e persone LGBTQ. 

“Ci sono molte persone che sono davvero spaventate, molte ragazze che sono davvero spaventate”, ha detto Kimberley Motley, un avvocato internazionale per i diritti umani che sta cercando di aiutare l’equipaggio, formalmente noto come Afghan Girls Robotics Team.

Sotto il dominio dei talebani, donne e ragazze hanno subito la repressione dell’istruzione e dell’espressione in Afghanistan. Mentre i talebani hanno riaffermato il controllo del paese, ci sono già segnalazioni di nuove chiusure di scuole e repressioni.

Già nel 2017 le ragazze hanno incontrato molte difficolta per raggiungere Washington per presentarsi alla competizione di robotica sostenendo due faticosi viaggi da Herat a Kabul per ottenere i visti. Ci sono stati due visti rifiutati lungo la strada e i kit robotici sono stati ripetutamente trattenuti dai funzionari doganali, ma alla fine il viaggio era stato approvato e la stessa Ivanka Trump li ha accolti alla Casa Bianca.

La celebre squadra di robotica afghana composta da sole ragazze è uscita dal paese in sicurezza e ora si trova in Qatar. I funzionari hanno inviato un aereo per evacuare le ragazze, dopo che l’organizzazione madre della squadra, Digital Citizen Fund, ha collaborato con il governo del Qatar per ottenere i visti.

Negli ultimi due anni, mentre il coronavirus stava devastando il mondo, il team ha sviluppato ventilatori realizzati con parti di automobili vecchie, rivelandosi ancora una volta una risorsa fondamentale per il loro paese e per il mondo. Le studentesse del team sono troppo giovani per ricordare le atrocità del precedente governo talebano, oggi il loro futuro potrebbe essere a rischio.

Le ragazze in Afghanistan rischiano la vita per ottenere un’istruzione, poiché sotto i talebani le donne sono tenute sotto il controllo dei membri maschi della famiglia e le ragazze non vanno a scuola.



Claudia Ruiz