Intervista ai NanowaR Of Steel – Quando la musica metal diventa parodia

In #Shareit, MUSICA by Claudia RuizLeave a Comment

Winona Raider, Mohammed Abdul, Potowotominimak, Gatto Panceri 666, Mr. Baffo: sono i NanowaR of Steel e se non li conoscete non avete capito un cazzo!                           Non è una cover band metal, né una tribute band; i NanowaR of Steel sono un gruppo italiano di musica metal, produttori di canzoni spiccatamente dissacranti.

triumphreprintLa band è stata creata nel 2003 con il nome di NanowaR, incidendo il loro primo CD demo Triumph Of True Metal Of Steel. All’interno sono presenti rivisitazioni di brani che hanno fatto parte del patrimonio metal come Master Of Pizza (Master Of Puppets dei Metallica) e Emerald Forche (Rhapsody Emerald Sword), oltre a contenere nuove canzoni con testi parodistici e senza senso. Con questo lavoro (1000 copie sold-out in un anno), i Nanowar iniziano a farsi conoscere nell’ambiente metal underground a livello mondiale.

Nel 2005 pubblicano il loro primo album interamente auto prodotto: Other Bands Play, Nanowar Gay! Da quel momento la carriera del NanowaR è in continua ascesa; con quest’album la band calca importanti palchi non solo in Italia, ma anche in Europa con la loro partecipazione al Z7 Metal Dayz Festival in Svizzera.

Gli anni a venire sono un susseguirsi di successi, nuovi album, partecipazioni ai più importanti festival e tour in giro per l’Europa: Ungheria, Romania, Serbia, Bulgaria, Slovenia e Austria, tanto per citarne alcune. Ad Aprile del 2012 pubblicano addirittura il videoclip di Giorgio Mastrota che in poche settimane raggiunge oltre 100.000 spettatori su YouTube.

Noi di Social Up li abbiamo intervistati per voi e il risultato rappresenta perfettamente lo stile “NanowaR”: non aspettatevi delle risposte banali a domande banali, preparatevi a leggere un’intervista fuori dall’ordinario.

video_nanowarPresenta i Nanowar of steel a chi sfortunatamente ancora non li conosce?

Gatto: Ciao persona che sfortunatamente non ci conosce, mi presento, il mio nome e’ Nanowar Of Steel, sono un gruppo musicale dedito alla coltivazione di canna da sale.

Baffo: Ciao siamo i nanowar of steel, il segreto del nostro successo è l’umiltà. Ecco perché siamo la migliore band heavy metal che il mondo abbia mai conosciuto.

Ascoltando la vostra musica la prima domanda che sorge spontanea è: come vi è venuto in mente di fare questo genere di canzoni?

Gatto: Vedi, la mente ed il corpo sono due medaglie della stessa faccia. Per cui chiedendomi come mi e’ venuto in mente e’ come se mi stessi chiedendo come e’ pervenuto nel corpo, e cio’ che perviene nel corpo in genere si mangia. In sostanza, se vuoi sapere cosa mangio, ti posso rispondere con gioia: arbusti.

Baffo: La prima domanda che mi faccio io leggendo le domande è: “hai un lavoro?”

Triumph of true metal of steel è stato il vostro primo Cd demo. Come è cambiato il vostro modo di fare musica da quel momento?

Gatto: Prima le nostre note acceleravano la fuoriuscita di cibo di seconda mano processato dall’apparato digerente. Ora pure.

Baffo: Da così a così!

I Nanowar Of Steel live a Mosca (2010)

I Nanowar Of Steel live a Mosca (2010)

Dark side, Metal storm sono due esempi di magazine importanti del settore che hanno elogiato il vostro lavoro. Cosa ha significato per una band del vostro genere un tale riconoscimento?

Gatto: Non so di chi tu stia parlando. Prova con l’ulcera.

Baffo: I Black Sabbath non ci sono più, i Motorhead non ci sono più, i Motley Crue non ci sono più. Di che cazzo parleranno tra cinque anni?

Raccontateci la vostra partecipazione ad un evento importante come Z7 Metal Dayz Festival?

Gatto: Essendo un evento antico, io che ho l’Alzheimer non me lo ricordo.

Baffo: Troppo vero per essere bello!

Dal 2007 il vostro successo è diventato a tutti gli effetti internazionale e dal quel momento non vi siete più fermati. Come è cambiata la vostra vita?

Gatto: E’ cambiata tantissimo. Nel 2007 avevo 24 anni e studiavo, ora ne ho 32 e lavoro.

Baffo: Mi sono tagliato i capelli lunghi.

materassoNel 2012 con il singolo Giorgio Mastrota avete raggiunto 100000 visualizzazioni su YouTube in poche settimane. Vi aspettavate un tale successo da questo singolo?

Gatto: Si, ce lo aspettavamo perché ne avevamo discusso con un famoso veggente romano, il mago Guarda, che ci aveva previsto un milione di visualizzazioni su YouTube.

Baffo: Ovviamente, il mio segno zodiacale è unicorno ascendente viagra, e quando uno se le sente certe cose, se le sente. Anche ora me le sento. Sono sempre attaccate.

Avete da poco concluso il vostro tour che ,come i precedenti, ha toccato molte città italiane ed europee. Raccontateci come è andata? Cosa vi è successo di divertente?

Gatto: E’ stato bellissimo. La mattina ci alzavamo per fare colazione, poi andavamo all’ipermercato a fare la spesa per poter fare la colazione il giorno dopo. Poi entravamo in macchina, uscivamo, entravamo in degli altri posti e poi riuscivamo e poi rientravamo in macchina per tornare al posto dove l’indomani ci aspettava la colazione che all’ipermercato mio padre comprò.

Baffo: Una volta è successo che in un territorio di confine ci hanno fermato dei militari e hanno aperto un pacchetto sospetto pensando che fosse droga. Invece erano solamente preservativi attaccati con lo scotch e portati dal nostro batterista Winona Ryder e sono esplosi in faccia al militare che molto vergognosamente si è ritirato nelle sue stanze. Allora scoppiammo in una fragorosa risata e insieme tornammo nel cammino della nostra vita. Storia vera.

Quale sarà il prossimo traguardo dei NanowaR of Steel?

Gatto: Io mi sono iscritto a un corso di F1 per principianti, il prossimo traguardo sara’ vincere delle competizioni importanti in questo campo

Baffo: I soldi.

Se non li avete riconosciuti prima, d’ora in poi non avrete più scuse: correte a comprare il loro nuovo EP, Tour-Mentone Vol.1, guardate i loro video su Youtube e rimediate a questa mancanza!

Ti è piaciuto questo articolo? Metti “mi piace” a Social Up!

About the Author
Claudia Ruiz

Claudia Ruiz

Nata a Catania nel 1989. Laureata in Scienze Internazionali presso l'Università di Siena. Nutro una passione per i temi di attualità e di politica estera, in particolare del sud est asiatico.

Loading...