Vale la pena acquistare una friggitrice ad aria?

Questo è sicuramente il momento delle friggitrici ad aria. Anche se questo elettrodomestico da cucina esiste da diversi anni, la loro popolarità è recentemente aumentata in modo abbastanza significativo in Italia da questo ottobre 2020 (dati Google Trends).

Ormai uso la mia friggitrice ad aria da diversi mesi e, ad essere sincero, non ero sicuro di averne bisogno dato che non friggo cibi così spesso. Ma le cose sono andate diversamente: oggi la uso un paio di volte a settimana, e adoro farlo.

È super facile da usare, così come da pulire. I cibi precongelati come patatine fritte e anelli di cipolla vengono benissimo: la consistenza e il gusto sono praticamente identici alla frittura. Con i cibi preparati da zero, bisogna applicare alcuni sotterfugi per ottenere la stessa consistenza della frittura – ma si può fare.

A seconda di quello che sto preparando, potrei aiutarmi con un pennello da pasticceria per spalmare l’olio sugli alimenti, che aiuta a sviluppare un bel colore marrone dorato. Infine scuoto anche la paletta o giro il cibo a metà cottura per assicurarmi che tutto sia cotto in modo uniforme.

Ma se stai pensando di investire in questo elettrodomestico da cucina, continua la lettura perché ti spiegherò quello che c’è da sapere sulle capacità della friggitrice ad aria.

Un modo sano di cucinare

Usare una friggitrice ad aria è un’alternativa più salutare rispetto a una friggitrice ad immersione perché una friggitrice ad aria necessita di molto meno olio per cucinare.

Una qualsiasi friggitrice ad aria funziona facendo circolare aria calda in una camera di cottura. L’aria viene mossa molto rapidamente in modo circolare, quindi fa un ottimo lavoro nel raggiungere tutte le superfici degli alimenti e creare un rivestimento croccante.

Non c’è affatto bisogno di usare molto olio: 1 cucchiaio o anche meno è tutto ciò di cui hai bisogno. Puoi usare la tua friggitrice ad aria per cucinare o friggere quasi tutto. Adoro usarla per arrostire verdure, preparare patatine fritte, anelli di cipolla, pollo, polpette, tofu e falafel.

C’è anche chi si spinge anche sui prodotti da forno, ma io personalmente non ho ancora fatto molti esperimenti per poter dare un giudizio nel merito.

Detto questo, l’uso di una friggitrice ad aria riduce le calorie del 70% o più rispetto alla frittura ad immersione, una grande vittoria per chiunque cerchi di perdere peso o di gestire una condizione di salute come il diabete di tipo 2 o il colesterolo alto.

Ma attenzione però: la friggitrice ad aria non vi da il via libera per mangiare “fritto” tutti i giorni, perché ci sono anche altri aspetti da considerare. Vi lascio questo articolo per capire meglio a cosa mi riferisco. 

Si risparmia tempo ed energia

Un’altra grande caratteristica della friggitrice ad aria è che richiede meno tempo per cucinare e meno energia rispetto a un forno a convezione tradizionale. Poiché le friggitrici ad aria hanno una camera di cottura più piccola e una circolazione dell’aria più veloce rispetto a un forno, ci vuole meno tempo sia per arrivare a temperatura che per cucinare.

Meno tempo equivale a meno energia. Se in genere ci vogliono 30 minuti per cuocere in forno, una friggitrice ad aria ne impiega 20 a dir tanto.

Non tutte le friggitrici ad aria sono uguali

Esistono principalmente due tipi di friggitrici ad aria. Un tipo ha un cestello in cui viene inserito il cibo, l’altro tipo è un forno da banco e può includere più funzioni come la cottura al forno e la cottura alla griglia. Entrambe le tipologie richiedono una girata a metà cottura per ottenere un risultato finale uniforme.

Fai le tue ricerche e leggi le recensioni sui diversi modelli per determinare quale friggitrice potrebbe essere la migliore per te. Vorrei evitare di fare pubblicità, ma con la mia Philips non ho mai avuto un problema ed è difficile per me non citarla.

Dove la metto?

Le friggitrici ad aria sono ingombranti e occupano spazio in cucina. Sebbene la utilizzi un paio di volte a settimana, dal momento che possiedo una cucina piccola la tengo comunque nell’armadio del salone.

Inoltre, si tratta di un elettrodomestico costoso e quelle più grandi superano anche i 200 euro. Attenzione però: non cercate il risparmio, altrimenti sarete costretti a cucinare su più turni. Non è comodo, tutt’altro.

Valutate quindi le vostre necessità in termini di spazio in cucina e numero di commensali.



Claudia Ruiz