Salone dell’auto di Torino: la Squadra Corse del Politecnico presenta la nuova SCXV Evo

In occasione della seconda edizione del Salone dell’auto di Torino, ospitata all’interno della splendida atmosfera del Parco del Valentino, è stata presentata nella mattinata di venerdì la SCXV Evo, la nuova monoposto realizzata dalla Squadra Corse del Politecnico. La vettura prenderà parte all’edizione 2016 del campionato mondiale universitario di Formula SAE.

La Squadra Corse è nata nel 2005 grazie alla passione di alcuni studenti di ingegneria dell’autoveicolo, accomunati dal sogno di voler partecipare ad una competizione di livello internazionale che preveda la progettazione e la produzione di un’auto da corsa, valutata durante una serie di prove in base alle sue qualità di design e di efficienza ingegneristica. Attualmente il team è formato da più di settanta studenti del Politecnico di Torino ed è suddiviso in tre divisioni (sporting, meccanica e control) che hanno integrato perfettamente le proprie conoscenze provenienti da tutti gli indirizzi per garantire uno sviluppo progettuale a 360 gradi. La nuova macchina è stata liberata dai teli che la nascondevano dinanzi alla prestigiosa cornice del Castello del Valentino; successivamente, i vertici del team hanno tenuto una conferenza stampa (alla quale è stato presente anche il direttore del Salone dell’auto) per spiegare il lavoro della squadra, le novità tecniche e i principali obiettivi per questa stagione.

La SCXV Evo si conferma nelle vesti di monoposto elettrica a trazione integrale: presenta una serie di elementi innovativi come la monoscocca in fibra di carbonio, 4 motori AMK sincroni trifase posizionati direttamente sui montanti ruota, 4 trasmissioni epicicloidali, sistema di frenata rigenerativa per il recupero dell’energia cinetica, cerchi custom in fibra di carbonio, elettronica di controllo autoprodotta, sospensioni push-rod e aerodinamica rinnovata. Per ottimizzare le prestazioni, è stato ridotto di circa 15 kg il peso del pacco batteria, portato adesso a soli 52 kg in totale. La potenza massima della vettura è di 140 kW (190 cv), limitata a 80 kW per essere conforme con il regolamento della Formula SAE. Sono state effettuate anche implementazioni di algoritmi di traction control e launch control. La principale novità presentata sulla vettura riguarda però il DRS: sarà infatti possibile attivare il sistema dell’ala posteriore mobile tramite il controllo di una centralina.

Nel campionato di Formula SAE che rappresenta la massima competizione per il motorsport a livello universitario, la Squadra Corse avrà la possibilità di confrontarsi con i migliori team ingegneristici provenienti da tutto il mondo e di scoprire le potenzialità della vettura su circuiti di caratura internazionale come Silverstone, Hockenheim o Varano de’ Melegari, primo appuntamento in cui sarà impegnata la SCXV Evo dal 22 al 25 luglio 2016.

L’obiettivo stagionale della squadra è quello di raggiungere il podio in tutte le gare previste, consolidando la propria leadership tra tutti i team italiani.



Giuseppe Forte