Rudi Schneider: colui che viaggiava tra la vita e la morte

In #Instaworld by redazioneLeave a Comment

Rudi (1908-1957) e Willi (1903-1971) Schneider erano due fratelli austriaci che sostenevano di avevare poteri paranormali, tra cui il potere della psicocinesi.

Rudi dal 1920 in poi, ha lavorato come medium professionista ed è stato sottoposto a diversi test scientifici. Anche se ci sono alcune persone oggi che vedono i fratelli Schneider come la prova dell’esistenza di poteri paranormali, i fratelli sono per lo più sconosciuti a molti.
Dopo diversi test effettuati da ricercatori del paranormale, come Harry Price, Albert von Schrenck-Notzing ed Eric Dingwall, c’era chi confermava i poteri dei fratelli e chi credeva che era tutto falso.

Harry Price non era apprezzato da tutti, ma è il più significativo per i fratelli Schneider.

priceRudi ha iniziato la sua carriera partecipando a sedute spiritiche, con suo fratello maggiore Willi Schneider, all’età di 11 anni. Sia Rudi che Willi affermano di canalizzare un’entità spirituale chiamata “Olga”, che durante una seduta ha affermato di essere “Lola Montez”, il soprannome di Marie Dolores Eliza Rosanna Gilbert (1821- 1861), l’amante di Ludovico I di Baviera.

Una notte in una seduta spiritica con Willi, Olga ha detto che la sua forza non era abbastanza forte e che voleva Rudi. Dato che Rudi aveva solo undici anni e in quel momento si era addormentato nel letto, i genitori si opposero. Olga non risponde. Pochi minuti dopo, però, la porta si aprì e Rudi, in profonda trance, entrò e si unì al cerchio. Dopo quella notte Olga si lega a Rudi permanentemente e non ha mai più parlato con Willi. Il suo posto è stato preso da Mina, un’altra personalità femminile.
Ma Willi aspirava ad essere un dentista; con la concentrazione sui suoi studi la sua medianità ha mostrato segni di indebolimento.

Rudi inizia a dare dimostrazioni dei suoi poteri a Vienna nel 1923 in un istituto dove volevano “studiarlo”.
Nel 1924 i fisici Stefan Meyer e Karl Przibram, attirati da Rudi Schneider, decidono di fare delle sedute private con lui. Durante i test, questi rivolgono delle accuse di frode nei suoi confronti; di conseguenza l’istituto ha concluso che le abilità che Schneider aveva dimostrato fino a che punto erano tutte il risultato di un inganno e che non era più loro interesse avere a che fare con lui.
Nel 1926, il giornalista americano Warren Vinton ha partecipato a sedute spiritiche con Rudi ed è giunto alla conclusione che il movimento degli oggetti è stato fraudolentemente prodotto da altri membri della famiglia Schneider nascosti nella stanza. Nel 1927, Vinton pubblica un articolo in cui accusa Rudi di commettere frodi utilizzando un complice nascosto.

Nel 1928, Eric Dodds e VJ Wooley hanno partecipato a sei sedute con Rudi e assolutamente non si sono verificati fenomeni. Dodds ha scritto che dello sperma è stato trovato dopo una delle sedute; sembra che Rudi avesse degli orgasmi durante la manifestazione dei suoi poteri (o il tentativo di manifestarli).

Nel 1929, Rudi Schneider ha preso parte ad una serie di esperimenti condotti da Harry Price, presso il Laboratorio Nazionale di Ricerca Psichica. Price ha condotto una serie di esperimenti in cui Rudi è stato collegato ad una serie di fili per permettere a tutti di accorgersi se avesse mosso le mani, i piedi o gli arti in modo significativo. Rudi è stato anche fisicamente trattenuto durante alcuni esperimenti. Price ha verificato che durante i suoi esperimenti sono stati osservati vari fenomeni, compreso il movimento di oggetti posti in giro per la stanza e l’apparente manifestazione di mani e forme misteriose.
Harry Price afferma nelle conclusioni del suo libro:
“Resta il fatto che Rudi è stato sottoposto al “controllo triplo” più spietato mai imposto e ha superato la prova a pieni voti. La genuinità dei fenomeni prodotti alle sue sedute a Londra ha impressionato quasi un centinaio di persone, tra cui scienziati, medici, uomini d’affari, maghi professionisti, giornalisti, ecc…”
Il “controllo triplo” era: mani e piedi di Rudi bloccati da una persona che li controlla; le mani ulteriormente bloccate da guanti metallici cuciti alla giacca; e infine l’indicatore elettrico.

controllo triploPer quanto riguarda “Olga” secondo Price:
“Dopo molte sedute spiritiche e colloqui riservati con lei, sono confuso. Non so se lei è davvero un parto della mente subconscia di Rudi o addirittura un’entità disincarnata.”

Nel 1930, Rudi ha iniziato a lavorare con un investigatore del paranormale, il francese Dr. Eugene Osty presso l’Institut Metapsychique. Osty ha collocato un oggetto nella camera con Rudi; vicino mette una macchina fotografica con un innesco a infrarossi, progettato per scattare una foto se viene rilevato movimento intorno all’oggetto. L’allarme è scattato più volte anche se le fotografie non hanno mostrato alcuna evidenza di Rudi che interferisce con esso. Osty conclude che stava registrando il passaggio di un ectoplasma come sostanza che fosse indicativa di movimento telecinetico.
Tuttavia, una fotografia scattata durante una delle sessioni ha rivelato che una delle mani di Rudi, che avrebbe dovuto essere bloccata, era libera. Gli esperimenti di Osty non potevano più essere considerati come scientificamente validi.

Rudi sosteneva che poteva far levitare oggetti, ma Price fece una fotografia scattata il 28 Aprile 1932 che mostra che Rudi era riuscito a liberare il braccio per spostare un fazzoletto dal tavolo. Dopo questo, molti scienziati considerano Rudi Schneider una frode.
Da quel momento l’opinione di Price su Rudi cambia radicalmente.
Price, infatti, ha scritto che i risultati di altri esperimenti dovrebbero essere rivisti, a causa della prova che dimostra come Rudi poteva liberarsi dai controlli.

Dopo che Price smaschera la frode di Rudi, vari scienziati come Karl Przibram e il mago Henry Evans scrivono a Price congratulandosi.
In opposizione, diversi studiosi del paranormale molto critici nei confronti di Price, appoggiano e credono nelle capacità di Rudi e promuovono una teoria su una cospirazione, circa il fatto che Price aveva falsificato la fotografia per screditare e rovinare la reputazione di Rudi Schneider.

Tra l’ottobre 1933 e il marzo 1934 Rudi Schneider è stato studiato dalla Società per la Ricerca Psichica con cinquantacinque sedute e non un unico fenomeno paranormale è stato osservato.

Theodore Besterman e Oliver Gatty, che avevano esaminato la medianità di Rudi, pubblicano un documento nel 1934 con scritto che non c’è “nessuna buona prova che Rudi Schneider possiede poteri soprannaturali”.
Nei suoi ultimi anni Rudi Schneider ha rinunciato alla medianità per diventare un meccanico d’auto.

price fine