Regali sostenibili: la lista completa per regali green dai 30 euro in su

Se la settimana scorsa vi abbiamo parlato dei regali sostenibili più economici, è il momento di sfoderare i pezzi da novanta. Ecco quindi una lista di alcuni pensieri per Natale … un po’ più impegnativi! 

Altoparlante Bluetooth

Le nostre case sono costellate di oggetti tecnologici, questo però non significa che non debbano essere sostenibili. Per questo quest’anno vi vogliamo consigliare questi altoparlanti bluetooth sostenibili. Sono realizzati da Gingko in legno d’acero e noce. 

Sillabe Collection

Questo è un regalo sostenibile un po’ particolare, perchè forse legato al caso. O meglio ai drop! Vi stiamo infatti consigliando di acquistare un capo o accessorio di Sillabe collection, un negozio vintage. Vendono prevalentemente vintage di lusso … e che lusso! 

Wait botanicamente

Questo è un regalo sostenibile per veri appassionati di lifestyle etico e forse un po’ hippie. In senso buono naturalmente! Wait è infatti un brand green di natura olistica. Nello specifico vi consigliamo il loro profumo (sia in stick che classici). Il packaging è in vetro, carta e legno completamente riciclati. È un profumo composto da oli essenziali grazie al processo della distillazione. Lo potete trovare qui. 

Joowelsss

Un gioiello in regalo è sempre ben accetto, purché non siano spille ovviamente. Pe andare sul sicuro vi consigliamo i gioielli in plastica recuperata dal mare di Joowelsss. Li trovate qui. 

Cristalli per meditazione

Infine fra gli ultimi regali sostenibili e vi suggeriamo questi fantastici cristalli per meditazione. Li potete posizionare sul viso, sul corpo o in qualsiasi ambiente della casa. Durante la meditazione potete posizionare le 12 punte di Quarzo attorno al corpo. L’ importante è direzionare verso l’esterno le punte vicino alla mano e piede destro, verso l’interno la mano e piede sinistro. In prossimità delle mani posiziona le Selenite e il Quarzo rosa.  L’Ametista va infine collocata terzo occhio oppure sull’ombelico. sul  Li trovate qui. 



Rebecca Bertolasi