Omonimo di Saddam Hussain: ingegnere non trova lavoro

Il nome può segnarti la vita a volte: lo sa bene lo sfortunato ingegnere indiano che si chiama proprio Saddam Hussain e che proprio a causa di questo particolare nome non riesce a trovare nessun lavoro, per quanto abbia un curriculum di studi più che brillante.
Il nome Saddam è un nome alquanto tipico tra gli indiani musulmani e anche Hussain possiamo definirlo un cognome parecchio diffuso. Quando anni fa il nonno dei piccolo Saddam aveva scelto il nome per il nipotino, di certo non si aspettata di causargli tutte queste difficoltà.
Anche se il cognome è leggermente diverso, poiché si scrive Hussein invece che Hussain, non viene mai meno il terribile accostamento all’ex dittatore iracheno e questo sta complicando tutto al povero Saddam che, nonostante abbia ottenuto una brillante laurea in ingegneria, non ha ancora trovato un posto di lavoro. E questo dopo decine e decine di colloqui.
Sei mesi dopo la laurea, tanti compagni di corso di Saddam avevano trovato un lavoro, e pensare che Saddam aveva la seconda media più alta di tutto il suo corso, ma lui niente. Lui era ancora disoccupato.
Il giovane ha quindi deciso di contattare gli uffici del personale di alcune aziende dove aveva sostenuto dei colloqui di lavoro, che peraltro sembravano essere andati bene. Molti hanno ammesso che il problema era il nome. “La gente ha paura di assumermi” ha raccontato Saddam ai giornalisti.
Il problema non sarebbe la paura del nome di Saddam in sé, ma il fatto che per un’azienda avere un dipendente che si chiama come l’ex dittatore iracheno può comportare diverse difficoltà operative, soprattutto se l’incarico prevede la necessità di viaggiare, imbarcandosi su aerei o attraversando confini.
Un esperto di selezione del personale spiega: “Se c’è da attraversare dei confini, non si può fare nulla dato che la polizia di frontiera ha procedure molto precise, e se c’è un ‘semaforo rosso’ devono fare dei controlli. Se il lavoro richiede frequenti viaggi all’estero, la persona si può trovare continuamente bloccata alle frontiere”, con costi per l’azienda.
Per cercare di trovare una soluzione a questo problema, il giovane Saddam ha deciso di cambiare il suo nome e chiamarsi Sajid, ma purtroppo questo non ha aiutato. Infatti, se oggi sui documenti troviamo il nome Sajid, sui certificati scolastici rimane ancor  il nome Saddam, e la discordanza mette ancora più a disagio i selezionatori.
Per provare a risolvere anche questo problema, Saddam ha dovuto chiedere l’intervento del tribunale per aggiornare anche i documenti scolastici e sperare così di trovare il lavoro che si merita.



redazione