Nuove maglie e nuovi traguardi per il Monza

La Società Sportiva Monza 1912 S.p.A, capitanata dai fratelli Berlusconi e da Adriano Galliani, pensa in grande. La presentazione delle nuove maglie per la stagione 2019-2020, infatti, ha fornito l’occasione per ribadire quelli che sono gli obiettivi nel breve e medio periodo per la squadra brianzola. La divisa, targata Lotto, richiama quella utilizzata per la stagione 1978-1979, l’annata che vide il sogno Serie A sfumare per un nulla, quando il Monza perse per 2-0 gli spareggi promozione contro il Pescara.

Da Giornaledimonza.it

La nuova maglia, decisamente vintage, presenta una banda verticale sulla quale è posizionato lo stemma, esattamente come quarant’anni fa. I pantaloncini sono bianchi con una banda verticale rossa e grigia per la divisa da casa, rossi con una banda verticale bianca e grigia per la divisa da trasferta, richiamando in entrambi i casi la maglia. Possiamo notare, inoltre, anche uno dei simboli che ha reso la città famosa in tutto il mondo: nel colletto compare, per la prima volta, il logo dell’Autodromo di Monza come City Partner.

Adriano Galliani e Andrea Tomat, presidente di Lotto. Da monzatoday.it

Se all’epoca il salto nella massima serie fu solamente sfiorato, negli anni a venire l’obiettivo è proprio quello di portare il club di proprietà Fininvest (storico proprietario dell’AC Milan dal 1986 al 2017) nel grande palcoscenico della Serie A. Ma non è finita qui, poiché l’Amministratore delegato Galliani ha elencato altri due traguardi importanti per il suo Monza: la vittoria, nel più breve tempo possibile, della Coppa Italia di Serie C, magari già da quest’anno, dato che la squadra ha raggiunto la finale contro la Viterbese Castrense (andata il 24 aprile, ritorno 8 maggio) e il raggiungimento della Serie B (anche questo possibile quest’anno grazie ai playoff).

L’altra grande novità è rappresentata dal cambio di nome per la squadra: dal 1 luglio 2019, infatti, il nome tornerà ad essere AC Monza, sempre in onore di quegli anni ’70 che tanto hanno fatto sognare i tifosi, con l’obiettivo di farli sognare di nuovo, ancora più in grande.



Marco Nuzzo