Nominato il nuovo Commissario alla Sanità della Calabria: la scelta ricade su Guido Longo

L’annuncio è stato dato anche tramite l’account Twitter del Presidente Conte che ufficializza così: “Il nuovo commissario per la sanità calabrese è il prefetto Guido Longo. Un uomo delle istituzioni, che ha già operato in Calabria, sempre a difesa della legalità”.

Una mossa ineccepibile di questo governo che affida una delle situazioni più complicate della nostra Penisola, l’epopea calabrese sulla sanità, ad un uomo delle istituzioni, Guido Longo.
Guido Longo, catanese, 68 anni nella sua carriera può vantare un sincero e perpetuo servizio allo Stato, avendo iniziato la sua carriera presso le forze dell’ordine nel ’78.
Dal ’78 in poi la carriera di Longo è fatta di successi e riconoscimenti che testimoniano la sua grande dedizione per le istituzioni e il suo grande “fiuto per l’illegalità”.

Reggio Calabria, Palermo, Napoli, Roma e Caserta ricordano con piacere Longo, che si è saputo distinguere tanto per le sue doti professionali, quanto per quelle umane, che lo contraddistinguono. La divisa non è stata in grado di ingessare Longo, che nella sua carriera è riuscito a distinguersi per il suo modo di affrontare la professione senza allontanarsi dalla società civile, ma mettendosi sempre a disposizione di quanti avessero bisogno, indipendentemente dalla gravità del problema, Longo è sempre stato disponibile per la sua gente, che ha servito e che continuerà a servire in Calabria.

Affidando a Longo uno degli incarichi più gravosi di questo periodo storico, in una regione storicamente vessata, nonostante questo sia stato un incarico che ha visto fallire molti, spesso anche a causa di una “distanza” insormontabile dello Stato, lo Stato oggi vuole chiaramente fare capire il cambio di registro e di dimostrare come lo Stato sarà a totale servizio della Calabria per cancellare una piaga che per troppo tempo a danneggiato i calabresi.



Andrea Calabrò