L’assessore Alessio D’Amato: «La situazione migliorerà, ma sarà un Natale senza abbracci»

Arrivano buone notizie dagli scienziati che affermano che la curva sembra essersi stabilizzata intorno all’RT del 16%. Una indicazione non di poco conto, ma che fa presagire possibili miglioramenti e soprattutto il fatto che la pandemia sia “sotto controllo”.

Sebbene in questi giorni le mosse contro l’avanzata del virus, vedranno alcune regioni cambiare fascia, sembra che inizino ad arrivare buone notizie, sia dagli Stati Uniti che avrebbero trovato il virus (insieme ai tedeschi), sia per i numeri della pandemia che iniziano a stabilizzarsi.

Queste notizie però non bastano secondo l’Assessore del Lazio Alessio D’Amato che con tono perentorio ha presagito che questo Natale non sarà il classico Natale di feste e abbracci, secondo quanto riferito in una lunga intervista a Leggo, dove spiegava che questo sarà un Natale da passare in casa rispettando le regole ormai note del distanziamento sociale: «Bisogna sempre rispettare il distanziamento e limitando il più possibile i gesti di affetto. Sarà un Natale ai tempi del Covid, senza abbracci. Non deve diventare un momento in cui il virus si propaga» ha affermato l’Assessore che così presagisce quello che sarà un Natale freddo, ma che ci ricorderà il vero valore di questa festa in vista di tempi migliori.



Andrea Calabrò