L’amore? Oggi gli italiani lo cercano sui siti di incontri

L’amore… ai tempi di Internet, perché oggi gli italiani lo cercano sempre più spesso sul web, e lo fanno attraverso i siti di incontri. Perché al momento la nostra società offre le migliori opportunità proprio in rete, per via della digitalizzazione dei processi, che non ha ovviamente risparmiato nemmeno il fenomeno del dating.

 Il motivo? È presto detto: in rete si trovano uomini e donne per tutti i gusti, di tutte le età e pronti per soddisfare ogni nostra aspettativa personale. Inoltre ci sono molti altri motivi che spingono i cittadini della Penisola a caccia di incontri online, pronti per garantire una soluzione smart e rapida, anche ai single e ai cuori infranti.

Incontri online e amore in rete

Basta accendere il computer o lo smartphone, collegarsi a Internet, fare una breve ricerca su Google e trovare sin da subito un portale specializzato in dating. E per chi non vuole neanche perdere questi pochi minuti, ci sono dei blog informativi come La Notte di Venere, che presenta una lista dei siti per single più utilizzati.

Ad ogni modo, il risultato è sempre lo stesso, al di là del canale o della fonte usati: abbiamo la possibilità di iscriverci e di cercare un cuore bisognoso di attenzioni, proprio come il nostro. Il tutto con una facilità quasi disarmante, che spiega il successo delle piattaforme in questione: sono così efficaci che, di fatto, hanno finito per rimpiazzare persino luoghi tipici del dating come i bar e i locali notturni.

Tutti i numeri dell’amore digitale

Anche se in paesi come gli USA le chat di incontri dominano oramai da anni, pure in Italia possiamo considerarci dei grandi esperti del settore.

Certo, ci siamo arrivati dopo la bandiera a stelle e strisce, ma ciò che conta è esserci comunque arrivati. Non per caso, la Penisola può essere inserita nella lista delle nazioni più attive, se si parla del numero di iscrizioni presso queste piattaforme per single.

Diciamo che in Europa non siamo secondi a nessuno, e che condividiamo le prime posizioni con altri paesi attrezzati, come la Germania e la Francia. Nel complesso, l’intera Europa può dirsi terra di conquista del dating online, e qui ci sono i numeri che lo dimostrano.

In base ad un recente studio condotto dal Center for Economics and Business Research, infatti, l’indotto derivante dai portali di dating supera ampiamente i 26 miliardi di euro annui. E i cuori dei single tricolori, come detto poco sopra, non temono rivali, al punto da essere i primi in questa speciale graduatoria.

Nel nostro caso si parla di quasi 9 milioni di utenti che sfruttano questi servizi per trovare un compagno o una compagna, grazie agli incontri online. Chiaramente il discorso andrebbe approfondito, settore per settore, e canale per canale, ma purtroppo questi dati non sono ancora stati ufficializzati.

Di contro, noi sappiamo che oggi il single italiano preferisce muoversi attraverso dispositivi mobile come lo smartphone, e anche in questo caso il comparto del dating non fa eccezione.

Ciò vuol dire che i cittadini dello Stivale utilizzano spesso questi siti proprio tramite il telefonino, usando le app proprietarie messe al servizio delle aziende di settore, o navigando sui siti di incontri mobile friendly. D’altronde si parla di portali o di applicazioni che oramai rappresentano un must per chi cerca l’amore sul web.

Ti basti pensare a grandi protagonisti come CercoSingle, Meetic (7 milioni di iscritti) e ovviamente Tinder (50 milioni di utenti, 9 milioni italiani). Infine, in questo elenco si iscrivono pure altri servizi piuttosto gettonati e conosciuti, come Badoo e OkCupid (30 milioni di utenze), in assoluto uno dei siti di incontro più utilizzati.

È una questione di fidelizzazione

La ricerca citata poco sopra fa emergere molti altri dati interessanti, che spingono verso una serie di considerazioni tali da tracciare l’identikit del single digitale italiano. Nella fattispecie, nella maggior parte dei casi è una questione di fidelizzazione. In altri termini, chi cerca l’amore online preferisce spesso concentrarsi su un singolo sito, app o servizio.

Questa appare come una caratteristica tutta tricolore, perché negli altri paesi in genere gli utenti sono soliti iscriversi su più piattaforme, cercando quindi di aumentare i possibili contatti. In realtà, gli italiani – più di altri – hanno capito che non è la quantità che conta, quanto piuttosto la qualità della chat di incontri scelta.

Ancora una volta, ci pensano i numeri a confermare questa verità. Secondo le analisi di settore, infatti, solo il 19% degli utenti maschi ha deciso di utilizzare 2 piattaforme diverse, mentre la percentuale scende addirittura al 13%, se si considerano le donne.

In quanti fanno uso di 5 siti o app di dating in contemporanea? In Italia quasi nessuno, con una percentuale a dir poco risicata (solamente l’1%). In sintesi, i single della Penisola sono dei veri e propri tradizionalisti, e tendono ad affezionarsi soprattutto ad un servizio.

La cartina geografica italiana del dating online

Paese che vai, dating che trovi, ma a patto di sapere che la situazione cambia da regione a regione, e da città a città. Anche in Italia, infatti, troviamo delle differenze significative, che gioco forza premiano i numeri delle metropoli.

Non a caso, sul podio dei centri che fanno maggiore uso dei siti di incontri troviamo Roma, Capitale anche del dating, al punto da fare concorrenza a realtà imponenti come Londra, Madrid e Parigi.

Ottimi numeri anche per Napoli, sebbene la regione più “innamorata” degli incontri digitali sia la Lombardia, con Milano grande protagonista. Se invece la si guarda dal punto di vista delle quote rosa, il capoluogo campano vince su tutti, con la maggior percentuale di donne iscritte. In generale, è possibile dire che le single a caccia di incontri si trovano soprattutto nelle regioni del Meridione.

Un settore dalle prospettive auree

Poco sopra abbiamo sottolineato quanto segue: il valore dei siti per single supera quota 26 miliardi di euro in Europa. Questi dati, però, sono provvisori e destinati a crescere in modo ulteriore, tenendo il passo di un trend davvero incredibile.

Per capirlo basta mettere a confronto i dati del 2016, quando il dating telematico europeo valeva “solo” 4,6 miliardi di euro. E anche se questi numeri potrebbero sembrare pazzeschi, sono ben poca cosa, se andiamo ad analizzare la situazione americana. Negli USA, infatti, il giro d’affari stimato cresce con un ritmo vertiginoso, di circa 100 milioni annui. Al punto che Tinder e Meetic, da sole, hanno assicurato nel mercato americano circa 127 milioni di dollari nel 2019 (+13% rispetto ai dati del 2018).

Tutti i vantaggi degli incontri online

In conclusione, dati alla mano, possiamo sostenere a ragion veduta che gli italiani (e non solo loro) amano alla follia i siti per single, e le app di settore. È una passione che nasce ovviamente dai tanti vantaggi del dating online, come la possibilità di chattare con gli iscritti anche da smartphone, quindi in qualsiasi luogo o momento della giornata.

Al punto che c’è anche chi sfrutta momenti morti come le file alle poste o al supermercato, per riuscire a trovare la propria anima gemella in salsa digitale. E poi c’è la questione della privacy: su questi portali siamo protetti, e possiamo esporci soltanto quando ce la sentiamo, il che rappresenta una soluzione perfetta anche per gli utenti più timidi.



redazione