La tavoletta del wc abbassata divide uomini e donne

Ebbene sì, bisogna ammetterlo, coinquilini e coppie, se di sesso diverso, non possono mancare di trovare un grande scontro alla “Civil War” quando si parla di tavoletta del wc. Per molti uomini infatti il semplice gesto di abbassare la tavoletta dopo aver fatto la plinplin può risultare veramente stancante. Per le donne, invece, controllare che questa sia alzata o abbassata è veramente, ma veramente impossibile. Ecco che così nasce una grande faida che da secoli divide uomini e donne che per un motivo o per un altro si trovano a vivere sotto lo stesso tetto, usufruendo dello stesso bagno che in certe situazioni si trasforma in un vero e proprio campo di battaglia. In giro per il web abbiamo trovato, e quindi estrapolato, quelli che dovrebbero essere i tre motivi che portano le donne a ribellarsi contro gli uomini “piscioni” e qui di seguito non mancheremo di deliziarvi elencandoveli tutti:

  • Voi uomini non sapete tenere a bada il “coso”, è risaputo. Non riuscite nemmeno a centrare un buco dal diametro considerevole – no, non stiamo parlando sporco, ci riferiamo al water, razza di porci. Trovare goccioline di pipì sulla tavoletta di un WC non fa che ricordarci la vostra incapacità di gestire il vostro amico, il che può anche portare le più complessate di noi a farsi lunghi viaggi mentali che sfociano in un pericoloso “Se non riesce a tenerlo a bada vuol dire che non è il suo cervello a comandare, e che magari alla prima collega carina che gli fa gli occhi dolci lui non riuscirà a trattenersi e…. e…. adesso lo uccido!!!“.

  • A volte ci svegliamo di notte e arranchiamo verso il bagno per fare pipì mantenendoci in uno stato voluto di “risparmio energetico”. Non apriamo gli occhi, non accendiamo le luci, non facciamo niente che possa risvegliarci completamente per non rischiare di dover poi lottare un’ora con l’insonnia prima di tornare tra le braccia di Orfeo – e di Raoul Bova, che ovviamente stavamo sognando prima che cominciasse a scapparci la pipì. Non trovare la tavoletta abbassata significa sedersi su un water dai bordi gelati e sporchi, e a parte lo schifo, questo significa anche un brusco risveglio e la conseguente ora di insonnia prima di ritrovare il sonno.

  • Se a noi non costa niente rimettere a posto la tavoletta del water, è anche vero che a voi non costa niente farlo. Sono sempre quei due secondi persi di cui sopra. Il che ci porta a un’immediata – e per voi pericolosa – conclusione: se devo arrabbiarmi, pregare, ripetere decine di volte al mio compagno una richiesta semplice come abbassare la tavoletta di un water e lui, nonostante le ripetute promesse e rassicurazioni, puntualmente mi fa trovare quella maledetta tavoletta alzata, come posso sperare di fidarmi di lui? Cosa succederà quando io, o la vita, gli chiederemo sfide ben più impegnative, come essermi fedele, prendersi cura di un figlio o ripetermi per la 45esima volta come funziona il fuorigioco senza urlare?!

Queste secondo un quotato sito di fuffa sarebbero le motivazioni validissime(?) delle donne, che pubblicamente si ribellano contro la strapotenza degli uomini, che si va a manifestare anche sulla tavoletta del gabinetto. Dall’altro lato gli uomini, con molta superficialità non mancano di rispondere: ok, scusami. E così la storia si ripeterà, perché sappiate sempre, che quelle scuse sono solo un palliativo per farvi tacere fino alla prossima plinplin.



Andrea Calabrò