La natura ci cambia e ci fa belle: henné

In #Lifestyle by redazioneLeave a Comment

Anna Giada Altomare per Social Up!

L’informazione e la cultura dei nostri tempi ci porta sempre più spesso a cercare alternative a ciò che ci propone il marketing e la pubblicità, soprattutto metodi naturali e spesso anche più economici, ma con risultati eccellenti. Ecco, tramandatoci sin dall’antichità, un metodo totalmente naturale per tingere i capelli, cambiare il nostro aspetto e soprattutto curarne i piccoli difetti: l’henné.

hennè1

Henné (o Henna, o Enna) è una parola di origine francese per indicare la pianta Lawsonia inermis, appartenente alla famiglia delle Lythraceae, un arbusto proveniente dall’Asia minore e dai paesi tropicali e subtropicali degli altopiani dell’Africa centro-orientale, molto longevo, alto circa 2 metri, oggi coltivato in India, Egitto, Tunisia, Arabia, Sudan, Iran e in Cina. La conoscenza delle capacità coloranti dell’henné è millenaria, sui capelli della mummia di Ramesse II ve ne sono state trovate tracce; Assiri, Babilonesi e Sumeri la utilizzavano per tingere la pelle durante i rituali religiosi tanto da diventare la stessa pelle tela per il racconto di riti ancestrali; condannata dalla Chiesa cristiana, in oriente diventa simbolo di fortuna, gioia, bellezza, armonia nell’amore e condivisione della felicità per le future spose. Al di là delle forme creative per le quali viene utilizzata l’henné, le sue proprietà curative fanno sì che questa pianta abbia innumerevoli proprietà benefiche per pelle e capelli. Adoperata come purificante per il viso, dona lo stesso effetto sulla cute, infatti risolve i vari problemi del cuoio capelluto, sia esso grasso o secco.

Oltre ai benefici curativi, potremmo notare un ispessimento del capello ed una chioma più folta poiché l’henné stimola le radici e si stratifica ogni volta che procediamo all’applicazione.

hennèPreparazione dell’impacco base:

Sciogliere in acqua bollente 50-100 grammi di polvere di henné (aggiungere uno yogurt solo nel caso in cui non abbiate problemi di forfora), in modo da ottenere un impasto denso da applicare direttamente sui capelli, personalmente consiglio di lavarli ed ancora umidi applicare l’impacco se i vostri capelli non hanno mai subito tinte chimiche, altrimenti è possibile applicare l’hennè anche a capelli asciutti. Una volta applicato, il capo viene ricoperto con una cuffietta di plastica o pellicola trasparente da cucina se volete essere sicure di non macchiare troppo i vostri indumenti, date le lunghe ore di attesa; il tutto, andrà lasciato in posa per un tempo variabile da tre a otto ore, tenendo ben presente che il colore ottenuto sarà tanto più intenso quanto maggiore sarà il tempo di permanenza dell’impasto di henné sui capelli. Trascorso questo periodo di permanenza, la poltiglia colorante viene rimossa con un generoso lavaggio con acqua tiepida e aceto di mele per eliminare del tutto i residui di polvere e donare lucentezza ai capelli.

hennè zarqua

N.B: in caso di capelli secchi, all’impasto può essere aggiunto un cucchiaino di olio di mandorle dolci e 5 gocce di olio essenziale di lavanda;  viceversa, in caso di capelli grassi, all’impasto può essere aggiunto un cucchiaino di aceto e 5 gocce di olio essenziale di rosmarino.

Illustriamo ora i modi di utilizzo per ottenerei vari possibili colori:

  • Rosso tiziano: il colore più semplice da ottenere, poiché le foglie di henné Lawsonia 100% essiccate rilasciano una tinta rossastra naturalmente, aggiungere del limone se vogliamo ottenere una sfumatura più aranciata.
  • Rosso ciliegio: far ossidare l’impacco per un’intera notte in freezer in seguito, dopo averlo scongelato a temperatura ambiente, aggiungere un infuso freddo di roibos.
  • Biondo: in questo caso dovremmo aggiungere all’henné neutro un infuso di camomilla.
  • Bruno chiaro o scuro: aggiungere 30 grammi di foglie di indaco all’impacco tendendo presente che l’intensità del bruno è proporzionale al tempo di permanenza sui capelli della tintura.
  • Castano fulvo: aggiungere all’impacco 20 grammi di foglie di indaco e 15 g di polvere di mallo di noce.hennè4

Bisogna tener presente che il colore che otterrete dipenderà sempre da quello di partenza del vostro capello, questo fa sì che ogni risultato sarà unico.

Ora non vi resta che provare!

Ti è piaciuto questo articolo? Metti “mi piace” a Social Up!