Intervista a Eva Sykora: il lavoro del sex coach e il sesso in pandemia

Quello della Sex Coach è un mestiere tanto affascinante quanto sconosciuto ai più: non si tratta solamente di ascoltare le problematiche di moltissimi uomini e donne di ogni età, ma di comprendere l’origine delle loro ansie e dei loro blocchi, accompagnandoli in un percorso che li aiuti a riscoprire se stessi e la propria sessualità, iniziando così uno stile di vita diverso, che gli permetta di realizzarsi e sentirsi realizzato sposando la propria creatività in ogni scelta del quotidiano.

Per appronfondire la figura del Sex Coach e tematiche legate alla sessualità abbiamo intervista Eva Sykora, Tantra Expert e Sex Coach con base in Svizzera che da 16 anni si occupa di accompagnare gli uomini e le donne che si rivolgono a lei in un cammino che coinvolge i quattro elementi della persona.

Eva come si diventa Tantra Expert e Sex Coach ?

Personalmente, ho intrapreso un viaggio alla ricerca della mia rinascita sessuale quando avevo 19 anni, in seguito a diversi abusi e traumi sessuali subiti nel corso della mia infanzia e adolescenza, che mi hanno sempre impedito di vivere la vita sessuale in modo naturale. La medicina normale non è riuscita ad aiutarmi, così ho scoperto il tantra per le donne e dopo qualche anno ho deciso di intraprendere un viaggio: prima tra India e Bali e poi attraverso la ricerca delle più avanzate e moderne tecniche di coaching occidentale. Trovata la soluzione ai problemi della mia sfera intima che mi portavo dietro da anni, ma soprattutto riscoprendo la mia sessualità e diventando una donna multiorgasmica ho deciso di rendere la condivisione di questa conoscenza la mia missione di vita, aiutando donne e uomini ad affrontare ciò che ho vissuto in primis per molti anni. Viviamo infatti solo il 10% di potenziale del nostro corpo: la mia missione è aiutare quindi le persone ad aumentare il più possibile questo potenziale.

In cosa consiste il Sex Coach ?

Essere Sex Coach significa far imparare alle persone come essere il migliore amante possibile: rispettivamente un magic lover per gli uomini e una dea del sesso per le donne, imparando così a far impazzire il proprio partner. Si basa sulla conoscenza delle zone primarie e secondarie del sistema sessuale maschile e femminile (ad esempio, l’uomo ama iniziare direttamente dalle zone erogene, mentre il corpo della donna ha bisogno di essere attivato). è importante capire in primis il proprio corpo, e solo in seguito quello del partner, così da abbracciare una sessualità sempre più consapevole.

E il Tantra Expert?

Per quanto riguarda il lato tantrico del mio lavoro, ho personalmente creato un metodo chiamato Il Risveglio Estatico Sessuale dei 4 Elementi. Attraverso il mio metodo è possibile  risolvere i  problemi legati alla sfera intima aiutando le persone ad abbracciare una sessualità più intensa, naturale e profonda ed entrare a contatto con il massimo potenziale di se stessi, iniziando così a vivere la vita che davvero desiderano. Il Tantra, in combinazione con Sexual Body Work, mi permette di capire i punti di stress e tensione di chi si affida a me, aiutando la persona a sbloccare i punti bioenergetici. Questa tecnica aiuta a liberare lo stress accumulato, a portare più presenza nel corpo, attivando così le energie sessuali.

 

Quali sono i problemi più diffusi tra i suoi assistiti?

Veramente tra i più disparati: dalla mancanza di intimità con il partner e disfunzioni sessuali (come eiaculazione precoce o disfunzione erettile) allo stress e alla bassa autostima che si ripercuote nella vita sessuale. Questo per quanto riguarda gli uomini, mentre per le donne invece le problematiche maggiori sono dovuti a dolori fisici intimi, legati magari a traumi o alla mancanza di raggiungere il piacere. Quello che riscontro maggiormente è sicuramente la paura di lasciarsi andare e perdere il controllo.

Quali sono i rimedi e le accortezze che possiamo apportare alla routine per migliorare la nostra vita sessuale?

Creare dei rituali è importantissimo nella vita di un essere umano: i rituali rilassano la nostra mente e tutto il nostro essere, iniziando proprio dalla parte intuitiva del cervello. Anche fare l’amore può diventare quindi un rituale, per riscoprire a 360 gradi l’anima del proprio partner, portandoci a provare più piacere durante la vita quotidiana. Nel concreto significa ritagliarsi un momento per stare insieme, creare il giusto ambiente sensuale con candele e cuscini, mettere della musica sensuale di sottofondo e soprattutto respirare (respirazione, movimento e suono): dare quindi il giusto peso al momento di intimità, mettendo in calendario tempo di intimità di qualità (così come si trova tempo per gli impegni quotidiani quali scuola, lavoro, dentista ecc).

Secondo lei ci sono ancora dei tabù sul piacere sessuale? E se sì, quali?

Purtroppo moltissimi, in primis la mancanza di conoscenza del corpo dell’altro sesso. Gli uomini ancora non conoscono il corpo femminile: imparano la sessualità dalla pornografia, che è molto lontano dal reale e da una falsa educazione sessuale. Uomini e donne devono capire le differenze del rispettivo sesso, imparando così i diversi modi di dare piacere. Molti di quelli che si affidano a me soffrono inoltre di ansia da prestazione,  perchè credono di dover essere sempre performanti. Questo è dovuto a ciò che la società impone al genere maschile, che deve essere sempre forte e potente. Queste dicerie sono le prime cose che uccidono la vita sessuale, non facendo altro che aumentare lo stress, primo nemico del sesso.

Sesso e pandemia: quali saranno le conseguenze? Come affrontarle?

La pandemia ha portato una cosa fondamentale nelle persone: lo stress. E lo stress uccide la sessualità. Allo stesso tempo però lo stare a casa è stata una grande opportunità: stare a casa può infatti far riscoprire alle coppie il tempo per stare insieme e la propria intimità. Per affrontare questo problema bisogna cercare con il proprio partner di riscoprire le cose semplici dell’intimità, partendo dal respiro e dal contatto, e cercando soprattutto di andare contro l’abitudine, scoprendo ogni settimana un nuovo rituale, risvegliando se stessi ancor prima della coppia.

Ultima domanda: può considerarsi il sesso come una medicina e un rimedio contro lo stress della vita?

Assolutamente sì, il sesso è un rimedio perfetto per lo stress della vita! Riscoprire la propria sensualità ci permette di lasciarci andare e vivere il potenziale più espanso del nostro corpo. Non molti sanno infatti che viviamo solo il 10% di potenziale del nostro corpo: attraverso la sessualità la persona può vivere una vita centrata in vitalità e in potere personale.



Sandy Sciuto