Infermiera ha finto di vaccinare 500 bambini

Un’assistente sanitaria dell’Usl 2 di Treviso prendeva la siringa, si avvicinava ai bambini e poi fingeva di vaccinarli (sia richiami che tetravalente). Gettava via le fiale subito dopo aver registrato la prestazione. La cosa che ha insospettito i suoi colleghi è che i piccoli pazienti non piangevano mai. Le perplessità sono diventate certezze quando nei cestini hanno trovato le siringhe ancora piene di siero.

L’infermiera è finita sotto inchiesta da parte della Procura e dei Nas. I finti vaccini sarebbero andati avanti dal gennaio 2016 al giugno 2016. Le motivazioni dietro al suo gesto non si conoscono ancora, anche perché la donna non ha fornito alcuna giustificazione.

Per quasi 500 bambini è scattata la chiamata da parte dell’ambulatorio. L’azienda sanitaria, infatti, provvederà direttamente a contattare le famiglie interessate dalla vicenda. Le giornate vaccinali straordinarie e mirate per varie patologie sono state fissate nei giorni 24 e 28 aprile, e 2 e 6 maggio al dipartimento di prevenzione di Treviso.

Sul fatto è intervenuta anche il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ha dichiarato: “È un fatto talmente increscioso che ha dell’incredibile, ritengo che sia stato fatto un danno enorme a questi bambini, che adesso dovranno fare i vaccini e che comunque sono stati sottoposti a rischio. Ovviamente l’autorità giudiziaria farà il suo corso”.



redazione