Il Villaggio olandese per i malati di Alzheimer

In Olanda esiste un villaggio unico al Mondo. Si tratta di Hogewey, piccolo sobborgo poco distante da Amsterdam, progettato specificamente per i malati di Alzheimer.

La cittadina è infatti dotata di 23 unità abitative, oltre a negozi, caffè e ristoranti e quanto altro serve per le esigenze dei locali, per ricreare nei pazienti la sensazione di vivere un’esistenza normale. La struttura sorge su un’area di circa 15.000 metri quadrati e dispone di personale medico e specializzato disponibile 24 ore su 24.

I confini di questa gigantesca “casa di cura” sono delimitati dagli stessi edifici progettati per ricreare una sorta di confine naturale mentre le aree di accesso sono costantemente sorvegliate onde evitare che gli anziani possano allontanarsi.

Lo stesso personale assunto recita alla perfezione i vari ruoli all’interno dell’abitato. Troverete quindi il cassiere o il barista che in realtà sono medici ed infermieri (oltre 250) che rivestono tali ruoli per non “rovinare” l’atmosfera ricreata e dare al tutto un realismo degno di un film hollywoodiano. Inoltre le case che ospitano i vecchietti sono arredate in base allo stile che più si avvicina a quello che gli anziani associano alla loro memoria a lungo termine.

L’idea alla base del progetto è infatti permettere ai pazienti di vivere una vita normale senza sentirsi isolati, ricevendo allo stesso tempo le cure necessarie. Secondo i suoi creatori, i malati di Hogewey vivono meglio rispetto a quelli alloggiati in normali case di cure e possono disporre di tutti i comfort necessari per affrontare al meglio la propria malattia. All’interno della struttura sono presenti anche appositi spazi dedicati al disegno, all’arte e alla musica per stimolare la creatività.

L’unico neo è rappresentato dai costi esorbitanti relativi alla retta mensile da pagare per poter alloggiare un malato di Alzheimer. Quasi 10.000 euro mensili nonostante il governo olandese fornisca dei sussidi in base al reddito dichiarato. Una spesa considerevole che ha reso Hogewey una struttura all’avanguardia ma allo stesso tempo una sorta di ricco resort disponibile solo per pochi privilegiati.

 



Fulvio Mammana