Il trucco, le adolescenti e la scuola: tutte le risposte che cercavate!

Betti Bigi

In #Lifestyle / Betti Bigi / Comments

Se i tempi dell’obbligo delle uniformi scolastiche sono passati, o restano prerogativa delle scuole private, a far parlare è il make up, in particolare la sua appropriatezza in classe. Dividere le parti in due fazioni nette, pro e contro, sarebbe riduttivo. Per avere una visione a 360° ci siamo a posti delle domande, da diversi punti di vista.

Truccarsi per andare a scuola è sinonimo di vanità?

Il binomio make up/ superficialità è stantio. Sebbene il modo in cui ci si presenta sia ispirato dalla nostra personalità, questo ci caratterizza solo in una piccola parte. Da un look minimal a uno più estroverso, abbiamo tutto il diritto di essere a proprio agio con noi stessi. Il modo non lo possono decidere gli alti, soprattutto da adolescenti quando le idee non sono molto chiare. Ovviamente la propria libertà di espressione non deve essere vincolante per quella altrui o risultare completamente fuori luogo.

Chi e cosa determina l’essere fuori luogo?

Ci viene insegnato che per ogni contesto ed occasione ci sono modi in cui comportarsi. Lo stesso vale per il make up: da giorno, da sera, per la scuola o l’ufficio. Quante regole non scritte, dettate dalla società, indirizzano le nostre scelte ogni giorno. Omologarsi e seguire quella o l’altra tendenza viene naturale così come opporvisi. Tocca a ognuno trovare una via di mezzo che faccia coesistere le due realtà. L’importante è riuscire a far emergere un lato di sé in ogni occasione, basta un dettaglio.

Andiamo al punto, trucco si o no per la scuola?

Ni. Pur vedendo il make up come un’arte, certe tecniche come il contouring o l’highlighting sarebbero da evitare. In primis non risalterebbero nell’ambiente scolastico, mentre sarebbero l’ideale per una serata, e peccherebbero di praticità. Chi non preferisce stare a letto il più possibile piuttosto che fare un’alzataccia?! Inoltre, prima di sapere come far risaltare la nostra bellezza serve pratica e pazienza. Provare un prodotto alla volta, magari scegliendo quelli mirati alle nostre necessità (correttori e bb cream per le prime imperfezioni, un blush o una terra leggera per ravvivare l’incarnato) vi darà più soddisfazioni senza appesantire il vostro look. Non dimenticate che anche a scuola ci sono delle occasioni speciali, l’ultimo giorno, durante una gita o per il ballo di fine anno, in questi casi sfoderate i pennelli e divertitevi!