Guadagnare online: fake news, bufala o utopia? Il nostro parere

Provate a digitare sul vostro motore di ricerca le parole “come guadagnare online”, e vi si aprirà un mondo. Vi chiederete per quale motivo voi continuiate a svegliarvi ogni mattina prima dell’alba per andare a lavorare, dovendo sopportare capi e colleghi. Perché fare sacrifici e faticare tanto, quando basta qualche click, un po’ di tempo libero, magari un hobby o una passione e il gioco è fatto.

Le vie suggerite per guadagnare attraverso un computer ed una connessione ad internet sono diverse. Volendo escludere quelle più rischiose, come le scommesse e il gioco in generale, e quelle che sembrano truffe o non sono chiare, come il trading e gli investimenti, restano comunque diverse alternative possibili.

Eppure, c’è sempre qualcosa che non convince.

Forse perché sembra troppo semplice, forse perché in alcuni casi i guadagni promessi o prospettati sono cifre molto importanti.

Ad ogni modo, l’idea di guadagnare online non è da scartare del tutto. L’importante è essere coscienti subito di un aspetto non secondario: non è facile e serve impegno. Inoltre, difficoltà ed impegno sono direttamente proporzionali a quanto denaro si vuole guadagnare.

Anzitutto, si possono racimolare piccole cifre vendendo tutti quegli oggetti mai usati o ancora in buono stato che però non servono più, per esempio su eBay.it o Amazon.it. Il ricavo ovviamente dipende dall’oggetto in questione e da quanto si è disposti ad accettare per disfarsene.

La lista degli oggetti che è possibile rivendere è potenzialmente infinita: si va dagli abiti usati agli accessori, dall’automobile agli oggetti di elettronica. Persino mobili e componenti di arredo, libri oppure oggetti da collezione.

Qualsiasi cosa possa venirvi in mente di acquistare, c’è qualcuno che la sta vendendo online. Per farlo si possono usare siti che ospitano gratuitamente annunci, attraverso i quali venditori ed acquirenti si mettono in contatto e si accordano sulle modalità ed i tempi dello scambio, oppure piattaforme per l’e-commerce che hanno il vantaggio di gestire più facilmente i pagamenti.

Un altro metodo per arrotondare e guadagnare qualcosa mentre siamo al pc può essere quello di rispondere ai sondaggi online.

Si tratta di un’attività che richiede un po’ di tempo libero, perché spesso i sondaggi sono composti da molte domande alle quali a volte bisogna dare risposte articolate anziché spuntare semplicemente qualche casella. Inoltre, non è fra i metodi più remunerativi, poiché per ogni sondaggio si ricevono in compenso pochi euro.

Tra le attività online che permettono di guadagnare di più, ma che richiedono anche più impegno e tempo a disposizione, c’è la condivisione del proprio sapere o capacità. Infatti, moltissimi siti permettono a chi possiede determinate conoscenze e/o competenze di mettersi in contatto con chi vuole apprenderle.

Si va dalle lezioni private di musica alle classiche ripetizioni scolastiche, ma non mancano anche occasioni per insegnare a qualcuno attività come la falegnameria o il giardinaggio. È questo uno degli espedienti più usati soprattutto dagli studenti universitari che vogliono guadagnare qualcosa per pesare un po’ meno sulle finanze dei propri genitori o per avere una somma da spendere per gli extra come concerti o anche viaggi.

Infine, se si ha una passione particolare e voglia di far conoscere agli altri il proprio modo di viverla, può essere divertente ma anche molto utile aprire un blog su internet.

Alcune considerazioni preliminari sono però necessarie.

Aprire un blog non è semplicissimo, e non per questioni meramente tecniche. Al contrario, navigando un po’ su internet è facile trovare qualche tutorial su come aprire il proprio blog e tutti abbiamo un parente o amico “smanettone” in grado di aiutarci.

Peccato che, una volta che il blog è online, sia finito il divertimento: infatti, è a questo punto che bisogna dedicarci tempo ed impegno.

Bisogna scrivere articoli, trovare immagini accattivanti e soprattutto sperare che quello che c’è scritto interessi ai lettori. Per chi volesse cominciare a capire da dove iniziare a muoversi e cosa c’è da sapere sul guadagno che un blog è in grado di portare  approfondisci qui.

Eppure, gestire un blog su internet è l’attività che fa guadagnare meglio ed in maniera più sicura fra quelle presentate. Avere un blog ha permesso ad alcuni di crescere, diventare famosi e soprattutto molto ricchi, primo esempio fra tutti Chiara Ferragni.

Ovviamente le cifre del blog di Chiara sono da capogiro – ed onestamente difficili da raggiungere o forse anche da ipotizzare appena si decide di aprire un blog. Ma non è nemmeno impensabile cominciare a farlo come extra dal lavoro con l’obiettivo di farlo diventare poi il vero lavoro.

Altre storie
“Llama Sutra”: il libro che ti insegna a scopare colorando