Foto estive: i 5 casi umani che commentano le foto di lei

Tra le cose più curiose dell’estate, oramai alle porte d’uscita, c’è la sfrenata voglia, per il gentil sesso, di sbattere sui social network le proprie foto in costume in vacanza. Una pratica che non può passare inosservata ai maschi, sempre più desiderosi di vedere tette e culi che nella vita reale si vedono con il binocolo e mai da distanza ravvicinata.

Oltre alle classiche foto delle gambe-wurstel, delle quali si è già ampiamente parlato, la quantità di pornografia instagrammata libera sui social network è aumentata a dismisura. Si passa dalla classica foto in riva al mare con le spalle che stringono il seno, portandolo dalla misura zero alla terza, a quelle dove l’indifesa fanciulla guarda il mare, con il taglio della foto che finisce esattamente sotto il sedere, che provocano un temporale di “like” fuori stagione. In questa sede, non ci interessa quanto possano essere superficiali e insicure persone di questo genere. Anche perché non sarebbe divertente e, soprattutto, non sono loro i casi umani.

I casi umani, quelli veri, sono coloro che commentano le suddette foto, nella speranza di attirare l’attenzione. Eccone le tipologie.

LO STUPITO – Quello che non si capacita del ben di Dio che sta osservando. “Seee vabbè ciao”, “Mamma mia”“Eppoi????” e un raffinatissimo “Minchia!!!” sono i commenti che rappresentano il suo approccio tipico.

IL MALATO – Colui che spera la ragazza legga e chiami il 118. “Sto per sentirmi male”“Così mi fai venire un infarto”“Ho bisogno di prendere aria”. È probabile che il 118 arrivi davvero, ma non per i motivi che sperava.

IL PADRE – Si erge a baluardo dell’educazione. “Ma ti sembra il caso di mettere foto del genere?”. Peccato sfoci subito nel malato, perché alla domanda innocente di lei, “Perché?????”, lui risponderà “Perché così ci fai venire un infarto”.

IL POETA – Tra i peggiori, si è smanettato fino a 3 secondi prima, ma guarda gli altri commentatori con sufficienza e utilizza un linguaggio morbido per differenziarsi dalla massa. “Sei deliziosa”“Sei sempre la più bella”, “Sei una Dea che emerge dalle acque”, “Certo che sei sempre in forma…”, “Questa foto non sarebbe stata altrettanto bella senza il soggetto principale”.

IL BATTUTISTA – Le donne vogliono un uomo che le faccia ridere. Certo, e voi siete pronti a darglielo. “Certo che il mare di Formentera è sempre il mare di Formentera”, “Occhio ai cavalloni”, “Che occhi grandi che hai”, “Beate le meduse”, “Con quel culo ci fai la pista delle biglie?”.

Ora, è probabile attiriate davvero l’attenzione, ma non nel modo in cui sperate voi. Al massimo, la pulzella si ribellerà alla vostra pioggia di commenti con il classico “Ragazzi!! Calma, è solo una foto in costume!”Certo. Con ogni probabilità, produrrete nella timida donzella delle grasse risate, prese per i fondelli e, se insistete, una denuncia per stalking. Insomma, nella migliore delle ipotesi sarete etichettati come degli imbecilli. Come possiate pensare di portare a casa il risultato in questo modo, è inspiegabile. Dimostrate un po’ di amor proprio e mettete giù le mani dalla tastiera. Fate quello che dovete fare senza esternarlo così in pubblico. Nessuno vi giudicherà per questo. Piuttosto, chiedetele delicatamente di uscire. Magari, quando l’avrete vista dal vivo, vi renderete conto che, invece di un infarto, vi provoca un conato.



redazione