“En l’An 2000”, il futuro immaginato nelle vignette del 1899

Di Silvia Vassallo  per Social Up!

Tra il 1899 e il 1900 furono commissionate a Jean-Marc Côté e ad altri artisti francesi alcune vignette che raffigurassero come sarebbe stata la vita nel 2000 sulla spinta di nuove invenzioni e scoperte scientifiche: il risultato fu “En l’An 2000”, una serie di 87 illustrazioni, che furono presentate per la prima volta in occasione dell’Esposizione Universale di Parigi del 1900. Inizialmente furono stampate come vignette da inserire all’interno dei pacchetti di sigarette, poi diventarono delle vere e proprie cartoline, che però non furono mai diffuse su larga scala. Ad oggi esiste un solo set completo di 87 pezzi, appartenuto perfino allo scrittore fantascientifico Isaac Asimov.

Uomini volanti, macchinari robotizzati, mezzi di trasporto avveniristici: è questo il XXI secolo immaginato nella raccolta “En l’An 2000”, e bisogna ammettere che la spiccata fantasia dei disegnatori non ha nulla da invidiare neppure a quella dei più visionari registi di film fantascientifici.

Per noi uomini e donne del presente, che viviamo proprio in quel “futuro” di cui si fantasticava 116 anni fa, alcune immagini sembreranno bizzarre e folli, alcune ci faranno sorridere, altre ancora ci appariranno forse geniali. Ma una cosa è certa: in ognuna di queste immagini si guarda all’avvenire e alla modernità con speranza e ottimismo. Perfino il più strampalato degli aggeggi rappresentati lascia trasparire una fiducia incondizionata nei confronti della scienza, dell’ingegno e della creatività umana.

Sicuramente i tempi erano ancora troppo immaturi per poter prevedere come, in realtà, la storia si sarebbe evoluta (o “regredita”, per certi aspetti). Del resto questi futuristici disegni nacquero agli albori della Rivoluzione Industriale, in un’epoca come l’Ottocento, quando il futuro veniva celebrato come una trionfale cavalcata verso il progresso e il benessere dell’intera umanità.

Wkimedia Commos



redazione