maremossofilm.com

Ecco perché Genitori Quasi Perfetti è la commedia familiare perfetta

Il film di Paolo Genovesi Perfetti Sconosciuti si è rivelato un enorme fenomeno mediatico, tant’è che esistono svariate riproduzioni straniere, ed ha fatto sì che nel cinema si creasse il bisogno di analizzare più a fondo dei gruppi sociali specifici che generano un certo scalpore nella nostra società, finalmente!

Ed ecco che dalla geniale mente di Laura Chiossone, famosa regista molto attiva nel mondo delle clip musicali e delle pubblicità, è uscita Genitori Quasi Perfetti, una frizzante commedia che analizza il tanto amato, quanto arduo, ruolo dei genitori e le relazioni che questi creano con i loro figli, spesso troppo astratte e mai abbastanza profonde.

thespot.news

Per una trama così avvincente e con svariati colpi di scena non poteva non mancare un cast altrettanto valido e capace di valorizzare l’incredibile storia che il film vuole raccontare.

Paolo Calabresi, Marina Rocco, Elena Radonicich e Lucia Mascino sono solo alcuni dei genitori che racconteranno le varie facce di questo mondo così complesso ma sarà Anna Foglietta, protagonista assoluta del film, che muoverà le carte principali architettando, a sua insaputa, una serata incredibilmente movimentata.

A prova di bomba!

Memorabile anche le performance dei figli di questi così difficili genitori e di Marina Occhionero, animatrice del compleanno di Filippo, che ci regalerà una toccante e cruda considerazione su ciò che ha avuto modo di vedere durante la serata, sperando di poter essere un miglior genitore con la sua futura, e improvvisa, attesa.

comingsoon.it

Come accennato precedentemente, il punto forte di questo film è la capacità di mettere a nudo i protagonisti e rivelare le loro vere identità, mostrando tutte le debolezze che venivano, all’apparenza, facilmente nascosti da punti di forza ideali e con poca stabilità.

Tutto ciò lo possiamo notare dalla geniale creazione dei profili genitoriali, dai “vegani” al padre divorziato che lavora sempre, e ancora da quello disoccupato che dedica le sue intere giornate ai figli a quella che ama sua figlia tanto quanto la sua libertà.

Insomma, un quadro abbastanza complesso che già di per sé fa intendere che non è oro tutto ciò che luccica.

La tendenza di avere una famiglia fin troppo perfetta, le famiglie arcobaleno e i figli che iniziano a capire di avere gusti diversi, i genitori divorziati, tradimenti, sono tutti temi estremamente attuali che però, sfortunatamente, non ricevono mai l’attenzione che meritano.

In questo caso Laura Chiossone, con qualche simpatica esagerazione, riesce a farci capire come questi siano temi più che attuali e che non è sbagliato parlarne, perché non è mai sbagliato parlare in famiglia anzi, è la chiave per superare i problemi ed essere più uniti di prima.



Marco Russano