E’ tornato all’Ulster Museum di Belfast il famoso arazzo di Game of Thrones

L’Irlanda del Nord è sempre più una meta obbligata per i fan della serie Game of Thrones e più in generale per gli amanti del piccolo e grande schermo.

Oltre ad aver prestato il suo territorio per la maggior parte delle riprese e ad ospitare il Game of Thrones Studio Tour ufficiale, nei teatri di posa in cui sono state girate numerose scene, torna ora casa anche il meraviglioso arazzo spirato a quello celeberrimo di Bayeux della seconda metà dell’XI secolo, lungo ben 90 metri e ricamato interamente a mano, che racconta l’intera storia della serie televisiva.

 Rientrato dal prestito francese, il famoso arazzo, considerato tra i più grandi del mondo, può essere ora ammirato all’Ulster Museum di Belfast, nel verdeggiante Queen’s Quarter.

Uno straordinario omaggio all’epica saga e all’industria tessile nordirlandese

 È stato creato per celebrare l’epica storia di Game of Thrones® e i luoghi in cui sono stati ambientati molti dei momenti topici, al punto che l’Irlanda del Nord è oggi considerata la “vera Westeros” o anche la “Casa dei Troni” in assoluto! Importante per la sua genesi, inoltre, l’eredità dell’industria tessile e del lino nordirlandesi, storicamente tra le più rilevanti al mondo.

 L’arazzo è, infatti, stato realizzato con il lino fornito dall’azienda Thomas Ferguson’s di Banbridge, nella contea di Down – una delle ultime fabbriche di lino sopravvissute in Irlanda del Nord – e la finissima qualità di tutti i dettagli realizzati a mano è semplicemente straordinaria.

 Grazie a un piccolo esercito di appassionate cucitrici, che hanno lavorato instancabilmente per giorni e giorni, filo dopo filo, i visitatori potranno rivivere le sfide e le avventure dei personaggi della serie e le sue scene più importanti, tra cui le famigerate Nozze Rosse. L’arazzo contiene, inoltre, anche elementi ricamati di particolare spicco come i capelli dorati dei Lannister, le celebri fiamme verde smeraldo, il blu elettrico degli Estranei e le oscure tinte dei corvi neri.

 Originariamente commissionato nel 2017, grazie a una collaborazione tra HBO e Turismo Irlandese per rappresentare le prime sei stagioni della serie, ha visto aggiungere anche gli eventi delle stagioni 7 e 8, man mano che la trama di “Thrones” si svelava sugli schermi di tutto il mondo.

 Da record anche il numero dei visitatori che sono accorsi ad ammirarlo nel corso della prima esposizione presso le sale dell’Ulster Museum, prima del suo viaggio in Francia, dove è stato ospitato nel 2019, poco lontano dal celeberrimo Arazzo di Bayeux, nell’omonima località francese.

 Oltre all’ atteso ritorno dell’arazzo a Belfast, l’Irlanda del Nord offre, appunto, una vasta gamma di esperienze dedicate a Game of Thrones® che vale la pena ricordare.

 Altre esperienze da non perdere: Game of Thrones Studio Tour e i tour tematici tra la costa e l’entroterra

 Dopo aver fatto tappa a Belfast, in cima alla lista delle cose da fare, per altro, poco lontano dalla città, c’è l’unico Game of Thrones® Studio Tour ufficiale al mondo, creato nel luogo in cui è stata girata l’acclamata serie: i Linen Mill Studios di Banbridge, nella contea di Down poco distante da Belfast.

 Questa immensa esperienza interattiva di oltre 30.000 metri quadrati è stata inaugurata all’inizio del 2022 e sta conquistando i fan di tutto il mondo che le dedicano recensioni entusiaste. Rivelando i segreti del mondo di Westeros, con incredibili oggetti di scena, costumi, bozzetti, pezzi di concept art bellissimi, divertenti trovate interattive hi-tech, come i giganteschi archi che scoccano frecce “infuocate, non è interessante solo per chi ha venerato Daenerys, Targaryen Arya Stark o l’irriducibile Cersei Lannister, ma per chiunque abbia la curiosità di vedere esattamente come nascono un prodotto cinematografico o televisivo di eccellente livello.

 Lungo il percorso si possono visitare, infatti, i famosi set di Approdo del Re, di Grande Inverno, della Roccia del Drago e della Barriera, arrivando a pochi centimetri da tutto ciò che è stato immortalato nei vari episodi. L’ingresso, poi, è una sorpresa ad alto tasso emozionale, così come lo è l’uscita di scena. Menzioni speciali anche per la caffetteria e l’area shopping!

 Da non mancare anche i numerosi tour e le esperienze legati alle 26 spettacolari location dell’Irlanda del Nord che legati a numerose scene e in molti casi a le guide sono proprio le persone del luogo che hanno lavorato come attori, comparse o parte della troupe e che possono condividere inedite storie del dietro le quinte.

E di ritorno a Belfast, a suggello del tour nord irlandese a caccia di momenti unici legati a Game of Thrones, immancabili sono un selfie davanti alle gigantesche vetrate del Glass of Thrones Walking Trail, una sfida con sé stessi in una escape room a tema Game of Thrones® o una tappa dove è presenta una delle 10 Porte del Trono nel pub The Dark Horse, nell’animato Cathedral Quarter.



Claudia Ruiz