“Drive and Listen”: la prima app per una guida “on the road” virtuale

Il lockdown e la chiusura totale dovuta alla diffusione del Covid-19 hanno modificato notevolmente le nostre vite e le nostre abitudini. Restare a casa per molti di noi ha significato anche smettere di guidare. Auto parcheggiate e ferme in quarantena nei garages, strade praticamente vuote e prezzo dei carburanti ai minimi storici. Tuttavia, tanti i guidatori di tutto il Mondo che hanno sentito la mancanza dei motori, dell’asfalto, del caos e del traffico cittadino. A molti è mancato guidare in giro per le città, in compagnia dalle stazioni radiofoniche preferite o facendo zapping in cerca della canzone più adatta. Per cercare di sopravvivere alla nostalgia, Erkam Şeker, uno studente di origine turca attualmente a Monaco, ha ideato una piattaforma molto particolare. Il nome di questa app è “Drive and Listen” ed ecco come funziona.

Fonte: driveandlisten.herokuapp.com

Si tratta di una piattaforma facilissima da usare. Laptop, tablet o smartphone poco importa: basterà semplicemente collegarsi a “Drive and Listen” per simulare un “on the road” anche da casa. Al momento sono disponibili ben 38 città, ma ne arriveranno presto molto altre. La prospettiva che vedremo sarà quella del guidatore e avremo la sensazione di stringere davvero tra le mani un volante. A farci compagnia in questo viaggio virtuale delle stazioni radio che trasmettono in tempo reale programmi e melodie locali. Una volta connessi, il viaggio inizierà da solo. Tramite il menù a destra potremo scegliere la città in cui andare a zonzo. Da Istanbul a Barcellona, da Antalya a Pechino, da Berlino a Buenos Aires, passando anche per Chicago, Guadalajara, Kiev, Madrid, Melbourne, Mosca, New York, Oslo, Praga, Salonicco, San Paolo, Stoccolma, Toronto, Zurigo e molte altre. Insomma, ce ne sono per tutti i gusti.

I video sono stati presi da canali di viaggio su YouTube o da filmati realizzati con le dashcam, le camere installate sui cruscotti delle auto, forniti da altri utenti che hanno contribuito al progetto. “Aggiungo altre città ogni giorno – ha spiegato l’inventore – le persone mi scrivono e chiedono di poter dare una mano”. Le stazioni radio sono invece quelle effettivamente trasmesse in tempo reale dei vari paesi del mondo. “Mi mancava guidare per la mia città, compresi il traffico e il flusso della vita quotidiana – ha raccontato il ragazzo – così mi sono ritrovato a guardare video di Istanbul su YouTube. Era divertente osservare la mia città nelle diverse clip girate dalle auto ma perché non scegliere una musica di sottofondo per riprodurre in pieno l’esperienza automobilistica?”. Da qui l’idea di una piattaforma capace di farci girare senza meta per le strade della città pur restando comodamente sul divano di casa.

In un momento in cui la circolazione automobilistica è bloccata in molti paesi o comunque ridotta agli spostamenti essenziali e di necessità, “Drive and Listen” è un app molto singolare. Non permette solo di combattere la nostalgia ma è anche un modo per conoscere un po’ meglio quelle città, il loro tessuto urbano, la loro conformazione. E poi ci regala un momento di libertà, che in questo periodo di chiusure non è poi tanto male.



Catiuscia Polzella