Photo by Franck on Unsplash

Disposto blocco immediato degli utenti minorenni su TokTok

A seguito della notizia della bambina che ha perso la vita probabilmente per una challenge mortale su TikTok l’opinione pubblica si è posta il problema della legittimità di uno strumento come questo social nelle mani di un minorenne. La bambina di 10 anni è chiaro non è riuscita a “liberarsi” dalle insidie che questi social subdoli possono mostrare. Per queste ragioni il Garante per la protezione dei dati personali “ha disposto nei confronti di Tik Tok il blocco immediato dell’uso dei dati degli utenti per i quali non sia stata accertata con sicurezza l’età anagrafica”. Lo annuncia una nota dell’Autorità, che “ha deciso di intervenire in via d’urgenza a seguito della terribile vicenda della bambina di 10 anni di Palermo”.

“La competizione non è più considerata nella cultura contemporanea come un problema in sé, si preferisce rimuovere tutti gli aspetti distruttivi che potenzialmente sono sempre insiti nella stessa. Siamo tutti dentro un reality show che richiede performance ammirevoli, dentro un talent in cui guadagnare voti. Dentro la dicotomia figo-sfigato. Tutti partecipi, complici e vittime allo stesso tempo. I social hanno solo moltiplicato all’infinito la platea e i palchi. E con questo facciamo i conti, anche negli esiti estremi”. Lo dice lo psicologo e psicoterapeuta consigliere dell’ordine di Palermo Calogero Lo Piccolo consultato da Ansa per un commento su quanto accaduto nella giornata di ieri.

TikTok è un’applicazione gratuita per i social media che ti permette di guardare, creare e condividere video direttamente dal tuo telefono. Gli utenti possono guardare e registrare video di se stessi che sincronizzano le labbra con musica e suoni popolari. Come hanno fatto sulla ormai defunta Vine, i bambini possono creare brevi video condivisibili che vanno dal divertente al serio. E proprio come YouTube, Tik Tok è un mondo interattivo di video che permette di entrare in contatto con amici e ammiratori attraverso likes, commenti e persino duetti.



Claudia Ruiz