Par.co denim e il jeans sostenibile in Italia: locale e 100% made in Italy

Tutti (o almeno si spera) sappiamo che il denim, prodotto irresponsabilmente, è uno dei tessuti più inquinanti al mondo, ma anche uno dei più apprezzati. Se trattati con cura un paio di jeans può durare anni. è inoltre un capo comodo, che non si stropiccia e che soprattutto necessità di pochissima manutenzione.

Per realizzare il denim però si utilizza moltissimo cotone che, per farlo crescere al meglio, necessità di una quantità enorme di acqua (10mila litri per chilo) e diversi prodotti nocivi. C’è però chi dei jeans ne ha fatto una missione, ed è Par.co denim.

La loro missione è infatti quella di realizzare jeans di qualità ma con il minor impatto possibile. Si impegnano ad utilizzare pratiche etiche, sociale e sostenibili nello sviluppo e nella produzione dei loro prodotti. I loro jeans sono infatti 100 made in italy, con materie prime, fibre e lavaggi sostenibili in ogni aspetto.. Gli obiettivi dell’azienda comprendono: processi produttivi circolari, rafforzamento del digitale, partnership con realtà che condividono gli stessi valori e inserimento di collaboratori con stessa visione. Scopriamoli meglio!

Abbiamo già detto che il denim è uno dei tessuti più inquinanti da realizzare. Partiamo subito con una scelta difficile. 

Il jeans ha un alto impatto sull’ambiente per molte ragioni. Innanzitutto, la produzione del tessuto denim  assorbe circa il 35% di tutta la produzione mondiale di cotone e c’è una grandissima richiesta. Questo ha portato inevitabilmente all’utilizzo massiccio di acqua e prodotti chimici che hanno un altissimo impatto ambientale. Successivamente il cotone ottenuto verrà tinto. Questi coloranti chimici contengono numerosi metalli pesanti ed è un processo che a sua volta necessita di molta acqua.
Si procede poi alla rifinitura.  Queste pratiche sono spesso dannose per chi lavora. Tra queste c’è la  sabbiatura che dona quell’effetto vissuto tipico dei capi in denim. In Europa però è abolita.

Spiegaci cosa significa avere una certificazione come voi nella sostenibilità e qual è la differenza

Il brand selezione tessuti con materie prime e processi certificati e accessori eco-friendly. Par.co denim seleziona tessuti denim composti al 100% di cotone biologico certificato GOTS (Global Organic Textile Standard) o tessuti rigenerati secondo il GRS (Global Recycle Standard). In parole semplici il cotone GOTS è un cotone totalmente biologico e “pulito”.

Ormai la sostenibilità è (quasi) una moda e tutti ne parlano, voi però avete iniziato molto prima. 

Sì la sostenibilità è proprio il valore fondante del brand, che è stato creati dai due cugini Par.co proprio in quest’ottica nel 2014. Lo scopo è realizzare jeans di ottima qualità lasciando il minor impatto possibile sul pianeta, consci dei processi insostenibili del settore moda.

Abbiamo notato che anche voi avete scelto di lavorare in pre order.

Sono stati fatti due esperimenti di pre-order a dicembre 2020 e in estate nel 2021. è un processo ambizioso da realizzare che si sta ancora implementando. La risposta dei clienti è stata però positiva e stiamo lavorando per rendere il pre-order una realtà.

Vediamo jeans che costano pochissimo. Quanto costa un jeans per essere di qualità?

Il costo di un jeans rispecchia la scelta delle materie prime, dei processi coinvolti nelle aziende devo viene prodotto. Par.co denim si affida a una filiera produttiva corta e locale 100% Made in Italy. Un brand per essere davvero sostenibile deve pensare anche a generare lavoro dopotutto. A proposito del prezzo, il brand sta pensando di condividere il break down dei vari costi dietro il prezzo finale. Questo per essere ancora più trasparenti!

La ricetta del denim sostenibile perfetto. 

In realtà non esiste una ricetta per un jeans perfetto. è il frutto di una continua ricerca e sviluppo. Questo naturalmente anche grazie all’evoluzione sostenibile in campo tessile.



Rebecca Bertolasi