Le curiosità più assurde sui film horror creati negli anni 2000

Ripensate a quindici anni fa. Era il 2000 e stavate andando al video noleggio (perché a quel tempo ancora c’erano) per cercare un film horror da paura. Date un’occhiata a queste curiosità assurde sui film horror degli anni 2000 e rivivete le vostre paure con delle nuove sorprese…

1. Jeepers Creepers (2001)

Jeepers Creepers, originariamente intitolato Here Comes the Boogeyman, vedeva nei panni del Creeper l’insospettabile affascinante Jonathan Breck. Potreste averlo notato senza il trucco da Creeper in una breve scena dove interpreta un poliziotto. Fu un momento di sollievo per Breck, in quanto normalmente non era nemmeno in grado di vedere a causa delle lenti a contatto che erano parte fondamentale del suo costume da cattivo. Sebbene il Creeper sia il personaggio alla base del film, non ha nemmeno una battuta. Ne era stata scritta una, ma venne tagliata prima dell’uscita del film.

2. I Tredici Spettri (2001)

Il trucco per questo film fu abbastanza impegnativo. Ad esempio, il make-up della “principessa adirata”, interpretata dell’attrice Shawna Loyer, richiedeva cinque ore di tempo per essere applicato. Per quanto riguarda il personaggio “Torso” venne interpretato da un attore con una doppia amputazione che indossava un cappuccio nero, permettendo al reparto effetti speciali di rimuovere digitalmente la testa. I tredici spettri è il primo film di una major americana in cui sono presenti tre protagonisti arabo-americani (Tony Shalhoub, F. Murray Abraham and Shannon Elizabeth).

3. Cabin Fever (2002)

Jordan Ladd (foto in alto) scoppiò a piangere quando si vide con il trucco della “faccia divorata”. Questo fa capire che il reparto effetti speciali aveva decisamente fatto un buon lavoro! Infatti, John Neff, un tecnico del suono del film, era effettivamente sopravvissuto a una necrosi della pelle prima di lavorare in Cabin Fever. Ancora oggi sostiene che gli effetti speciali di Cabin Fever erano molto accurati. La storia più interessante di tutte riguarda Robert Jones, un membro della troupe, che trasportando un finto cadavere sanguinante e senza testa nella sua macchina, venne fermato dalla polizia e trattenuto sotto la minaccia delle armi finché riuscì a convincerli che il corpo era nient’altro che un effetto di scena.

4. Nave Fantasma (2002)

Tutti voi appassionati di storia classica probabilmente l’avrete notato. Il personaggio di Jack Ferriman, interpretato da Desmond Harrington, è ispirato a Caronte, il traghettatore della mitologia greca che trasportava le anime dei morti attraverso il fiume Stige nell’oltretomba. C’è, inoltre, un dipinto nella scena del grande salone che fa riferimento a un affresco di Caronte.

5. Al Calare delle Tenebre (2003)

Al calare delle tenebre aveva un sacco di titoli alternativi, che sono stati successivamente scartati: The Tooth Fairy, Don’t Peek, Fear of the Dark, The Tooth Fairy: The Ghost of Matilda Dixon and The Tooth Fairy: Every Legend Has Its Dark Side. I titoli di coda scorrono per 11 lunghissimi minuti; questo perché senza, il film sarebbe risultato troppo breve per essere adatto alla proiezione nei cinema. Avete presente l’inquietante verso di Matilda Dixon quando ulula nell’oscurità? Quello è l’autentica registrazione dei lamenti di una signora anziana nel suo letto, velocizzato o rallentato nei diversi momenti del film.

6. Wrong Turn (2003)

Il primo film nella serie è l’unico che non contiene scene di sesso o nudità; poi però nei sequel cambia tutto. Il personaggio principale femminile, Jessie Burlingame (interpretata da Eliza Dushku) deve il suo nome alla protagonista del romanzo Il Gioco di Gerald di Stephen King. Eliza Dushku girò un sacco di scene in Wrong Turn in cui lei stessa era lo stuntman e ci prese così tanto la mano che sul set diede accidentalmente fuoco al cattivo “Tre dita” (interpretato da Julian Richings)!

7. Gothika (2003)

Vennero impiegate otto settimane in più di quelle previste per girare Gothika. Questo perchè Halle Berry si ruppe il braccio quando il coprotagonistaRobert Downey Jr. glie lo spezzò accidentalmente durante una scena di lotta sul set!

Nel film il serial killer viene impersonato da John Carroll Lynch e la cosa divenne poi un vizio. Ha, infatti, interpretato il killer dello zodiaco in Zodiac e il mostruoso clown Twisty in American Horror Story: Freak show.

8. The Grudge (2004)

Vi ricordate la scena spaventosa in cui Kayako striscia in maniera inquietante dalle scale? Non è stata realizzata con effetti speciali. La contorsionista Takako Fuji era in grado di recitare la parte e di fornire una vasta gamma di torsioni e posizioni innaturali che rendevano realistica la scena. I suoni che faceva erano stati alterati attraverso la registrazione di un pettine che scorreva su una superficie.

Il ragazzino, Toshio, appare sempre nello schermo con il suo gatto. L’attore Yuya Ozeki nella vita vera è terrorizzato dai gatti, e doveva farsi convincere ad ogni ripresa per stare vicino all’animale.



redazione