Cambiamento climatico: due trecce bionde contro la febbre della Terra

redazione

In #Instaworld, MONDO / redazione / Comments

Di Melissa Laface per Social Up!

Il cambiamento climatico è la Sfida più importante del nostro tempo: la Nostra Terra, negli ultimi anni, è sempre più vicina al punto di non ritorno. Gli inglesi direbbero “Earth is changing” (la Terra sta cambiando). Il cambiamento è rappresentato dalle temperature in aumento, ghiaccio e neve che si stanno sciogliendo, l’andamento delle precipitazioni che sta variando, inondazioni, frane, innalzamento del livello dei mari e dal riscaldamento globale (global warming). In particolar modo, quest’ultimo è la conseguenza dell’aumento delle concentrazioni di gas effetto serra nell’atmosfera, che portano a cambiamenti di natura antropogenica. In parole semplici: nell’atmosfera terrestre esistono dei gas alteranti, primo fra tutti l’anidride carbonica (CO2), seguito dal metano (CH4) e gli ossidi di azoto (NOx), questi gas amplificano la capacità dell’atmosfera di trattenere le radiazioni solari e quindi causano un aumento della temperatura terrestre, ovvero la “febbre della Terra”.

Il cambiamento climatico e il riscaldamento globale – specie quest’ultimo – sono stati definiti come due delle più grandi sfide che la comunità

internazionale e la Terra devono affrontare. I rappresentanti di 197 governi hanno ratificato l’Accordo di Parigi, siglato nel 2015, con il quale gli Stati firmatari si impegnano a ridurre l’emissione dei gas effetto serra nell’atmosfera terrestre. Il contenuto dell’Accordo è difficile da rispettare: in quanto gli Stati firmatari non riescono a mantenere l’aumento medio della temperatura mondiale al di sotto di 2°C rispetto ai livelli pre-industriali e dovrebbero puntare a limitare l’aumento a 1,5°C, visto che ciò potrebbe ridurre in misura significativa i rischi e gli impatti dei cambiamenti climatici.

Arctique canadien

Il 2019 è l’anno dei dibattiti: dibattiti sui vaccini, dibattiti assurdi sulla Flat Earth, dibattiti sul cambiamento climatico. A richiamare l’attenzione su questo importante dibattito è Greta Thunberg: svedese, quindici anni. Dal 2018, ogni venerdì, Greta salta la scuola per andare a protestare di fronte al Riksdag, il Parlamento svedese, esibendo un cartello che recita “Skolstrejk för klimatet “, ovvero: “sciopero scolastico per il clima”. Il forte desiderio di questa ragazza è nato a fronte delle eccezionali ondate di calore e degli incendi boschivi senza precedenti, che hanno colpito il suo paese durante l’estate. La storia di Greta ha fatto il giro del mondo, diventando di rilievo mondiale: le proteste di Greta Thunberg sono state l’incipit del “Fridays for Future” una serie di manifestazioni contro il cambiamento climatico che hanno preso piede in tutto il mondo portate avanti da diversi studenti, la cui fonte di ispirazione è stata proprio Greta.

Greta è diventata famosa anche per aver partecipato a TEDxStockholm dove ha espresso le sue idee e la sua protesta è diventata virale grazie ai social come Instagram e Twitter.

Troviamo anche Greta nella lista dei 25 teenager più influenti al mondo. È stata eletta donna dell’anno in Svezia e proposta per il premio Nobel per la Pace 2019, nella lotta al cambiamento climatico come causa di conflitti e guerre.