Da www.sportitalia.it

Berrettini Musetti e Sinner faccia a faccia contro gli dei del tennis

Matteo Berrettini, Jannik Sinner e Lorenzo Musetti questo Roland Garros 2021 se lo ricorderanno bene. I tre giovanissimi atleti italiani sono considerati come le più interessanti stelle in ascesa del tennis italiano, con Berrettini che a 25 anni è già al nono posto della classifica ATP. Durante l’Open di Francia, il destino ha riservato loro una bella sorpresa. Agli ottavi di finale, infatti, Berrettini, Musetti e Sinner si sono trovati ad affrontare i tre tennisti più forti di sempre, rispettivamente Federer, Djokovic e Nadal. Vediamo com’è andata.

Berrettini ha avuto la via più facile ma forse il dispiacere più grande. Federer, infatti, si è dovuto ritirare dal torneo prima della sfida per un problema al ginocchio. Questo ha permesso al tennista romano di raggiungere le semifinali del torneo, diventando il primo uomo italiano a raggiungere gli ottavi in tutti i tornei del Grande Slam. D’altro canto, però, non ha potuto misurarsi con Federer, in quella che sarebbe stata una sfida interessantissima e non scontata. Ora per Berrettini c’è Novak Djokovic, l’altro grande fuoriclasse.

Da www.atptour.com

Musetti, dal canto suo, ha disputato un Roland Garros perfetto. Dopo aver disintegrato Goffin (13esimo in classifica), Nishioka e aver battuto Cecchinato nel derby italiano, per il classe 2002 l’ostacolo agli ottavi è stato proprio Djokovic. Se il pronostico era completamente a favore del tennista serbo, i primi due set stavano ribaltando ogni aspettativa. Musetti, infatti, contro l’attuale numero 1 aveva vinto al tie-break per ben due volte, portandosi 2 set a 0. Al terzo, però, è venuto fuori Djokovic, che ha dimostrato una lucidità mentale impressionante.

Alla fine, dopo aver vinto il terzo set per 6-0 e il quarto per 6-1, nel quinto e decisivo set Djokovic si è “fermato” sul 4-0 in quanto Musetti, sfinito e dolorante, si è ritirato. Il punteggio finale è stato 6-7, 6-7, 6-1, 6-0, 4-0. Per Musetti, comunque, la prestazione resta. E se anche Nole lo applaude a fine partita, vuol dire che ha lasciato il segno.

Impresa impossibile anche quella di Jannik Sinner, trovatosi a combattere contro Rafa Nadal, semplicemente il più forte di sempre sulla terra. Ad oggi l’unico che potrebbe battere il mancino di Manacor è Djokovic, ma negli ultimi precedenti su terra ha sempre dominato lo spagnolo. Sinner ha provato a contenere l’ira di Nadal, ma la differenza tra i due è ancora troppo notevole. Sinner, così come Musetti, ha il potenziale per competere con i più grandi, ma la giovanissima età per il momento non glielo permette. Il punteggio finale è stato di 7-5, 6-3, 6-0.

Diciamo pure che Nadal è ancora una volta il favorito per la vittoria finale. Se tutto andrà come deve andare, in semifinale potremo assistere al big match fra lui e Nole, anche se speriamo possa affrontare Berrettini in semi.

Un Roland Garros che si è rivelato difficilissimo per i nostri giovani tennisti, visto il tenore degli avversari. Vittoria “fortunata” per Berrettini, due sconfitte preventivate per Sinner e Musetti. Sconfitte però che fanno bene, perché perdere contro i più grandi non può che lasciare qualche insegnamento per il futuro.



Marco Nuzzo