Da www.gazzetta.it

L’Italbasket compie il miracolo: agli Europei batte la Serbia e vola ai quarti

E’ una giornata storica per la pallacanestro italiana. Agli Europei 2022 l’Italbasket riesce nella clamorosa impresa di superare la favoritissima Serbia, inizialmente candidata al titolo, agli ottavi di finale. Il punteggio finale dice 94-86 per gli azzurri.

I ragazzi di Pozzecco, dopo aver superato il girone al quarto posto per via della sconfitta contro la modesta Ucraina si sono trovati di fronte la Serbia di Nikola Jokic, MVP in carica della stagione regolare NBA per la seconda volta consecutiva e uno dei migliori giocatori al mondo per distacco. La partita vedeva favoriti i balcanici in tutto e per tutto; non solo la Serbia si vanta della presenza del fuoriclasse dei Denver Nuggets, ma anche quella di Micic, miglior marcatore nell’ultima edizione dell’Eurolega e miglior giocatore in quella precedente.

L’Italbasket, comunque, approccia alla gara nel migliore dei modi. Chiamati a rincorrere nel punteggio fin da subito, Melli e compagni sono sempre rimasti in scia degli avversari. Se nei primi tre quarti è stata la Serbia a comandare il risultato, il cambio di passo è tuttavia avvenuto proprio nella seconda metà della gara, dopo un momento che poteva risultare decisivo. Pozzecco, espulso a metà per doppio fallo tecnico, lascia i suoi ragazzi da soli, ma quello che poteva risultare un problema diventa un’opportunità e un modo per tirare fuori il meglio.

La vittoria finale è frutto di un enorme lavoro di squadra dove però spiccano alcuni singoli su tutti. Niccolò Melli, autore di una prestazione clamorosa con 19 punti, ha brillato in difesa; il numero 9 azzurro è stato chiamato a marcare Jokic ed è riuscito anche ad annullarlo con una stoppata che entrerà nella storia della nazionale.

Da www.realolimpiamilano.com

Non dimentichiamoci poi di Fontecchio, che chiude anche lui con 19 punti e si dimostra prontissimo per il salto in NBA; Polonara, autore di 16 punti tra cui una tripla da lontanissimo nella fase finale della partita che fa volare l’Italia. Il migliore in campo, però, è Marco Spissu, che ha giocato una partita impossibile. 22 punti con 6 triple come se fosse Steph Curry, dominante contro i giganti serbi nonostante la differenza di altezza e imprendibile nel tiro da tre punti.

Ora ad attendere l’Italia c’è la Francia, altro avversario temibile contro il quale c’è un conto in sospeso. Ai quarti di finale delle ultime Olimpiadi, proprio la Francia eliminò l’Italia con il punteggio di 84-75. L’Italia oggi è matura e pronta per il secondo atto, in programma mercoledì 14 settembre. Appuntamento da non perdere!



Marco Nuzzo