Gigio Donnarumma e gli altri: tanti gli azzurri pronti a cambiare maglia

Siamo ancora esaltati, in festa e con gli occhi lucidi. Almeno una volta al giorno il pensiero va lì, alla scorsa domenica, quando in casa degli inglesi siamo diventati campioni d’Europa. Straordinario rivedere i video delle feste in anticipo dei nostri avversari, accompagnati dall’immancabile “It’s coming home”, ma non solo. In loop nella mente di chi scrive c’è anche ‘o tir aggirr di Insigne a Monaco di Baviera, il rigore di Jorginho con la Spagna, Bonucci alla Materazzi in una finale azzurra. Soprattutto poi, Gigio Donnarumma che para il rigore decisivo di Euro 2020, senza nemmeno capire l’importanza del momento.

Ricordi indelebili, ma adesso è già tempo di pensare alla prossima stagione. In questo senso, ecco che arriva prepotente l’onda del calciomercato estivo. Una sessione sicuramente diversa, ma che ha già visto un paio di colpi interessanti. Oggi ci focalizzeremo su nostri campioni d’Europa: Locatelli, Gigio Donnarumma e non solo: chi sono gli uomini protagonisti della Nazionale azzurra pronti a cambiare squadra durante questa sessione di mercato?

Gigio Donnarumma-PSG

Trattativa ormai ufficiale da ore, ufficiosa da settimane e nell’aria da mesi. Donnarumma lascia il Milan a parametro zero dopo aver fatto ogni passo della sua vita calcistica vestito di rossonero. Chiaramente lo fa tra mille polemiche, anche se l’arrivo al PSG attenua leggermente la delusione dei tifosi. Qualcuno (pochi) ha già perdonato il comportamento di Donnarumma visto lo splendido europeo, qualcun altro (tanti) invece non lo farà mai.

Gigio Donnarumma ha fatto una scelta professionale, optando per un posto di lavoro migliore e ben pagato, se mai quello fosse un problema a cui il ragazzo debba pensare. A occhio, per qualsiasi tifoso milanista è comunque già un bene aver evitato la beffa di vedere Donnarumma alla Juventus, un affare che ad un certo punto sembrava prossimo alla conclusione. Il portierone nazionale è già arrivato a Parigi, coprendo la porta di una squadra sempre più da playstation.

Locatelli verso la Juventus, Sirigu firma col Genoa. Emerson e Florenzi?

L’altra telenovela estiva del mercato italiano dopo quella di Gigio Donnarumma: Locatelli alla Juventus. Un nome che gira da mesi per i bianconeri, che sembrano sempre sul punto di arrivare ma che poi frenano la corsa. Arsenal e Borussia Dortmund hanno già offerto la cifra che il Sassuolo richiede per privarsi del suo talento: 40 mln. La Juventus ci sta arrivando e lo sta facendo proprio in queste ore. Locatelli vuole la Juve, la Juve vuole Locatelli: in un modo o in un altro questo affare si farà, anche se al momento c’è distanza. A fine luglio la faccenda verrà senz’altro risolta.

Chi aspetta un contratto da una big italiana è anche Emerson Palmieri, terzino campione d’Europa con club e Nazionale. In questo caso possiamo parlare di un nome che torna spesso nei radar delle grandi italiane, salvo poi fermarsi sul più bello. Lo scorso gennaio sembrava imminente lo scambio con Alex Sandro della Juve, adesso è il Napoli la candidata numero uno al suo acquisto, anche se i discorsi dovranno essere ancora approfonditi nel dettaglio. Sulla fascia opposta della Nazionale ecco Alessandro Florenzi, anche lui alla ricerca di una squadra dopo l’ottima annata di Parigi. Ovviamente è di proprietà della Roma e non è esclusa una chance da Mourinho, tuttavia la pista probabile porta alla cessione. Più estero che Italia ma occhio a Juventus e Inter, sempre attente alle questioni dell’ex terzino del Valencia.

Jorginho, Locatelli, Belotti e Berardi- Photo Alfredo Falcone – LaPresse16/06/2021 Roma Italy

Già firmato è invece il contratto di Salvatore Sirigu al Genoa. Il secondo di Gigio Donnarumma in Nazionale, protagonista dello spogliatoio azzurro, aveva da tempo deciso di mollare Torino. Su di lui pare essersi fiondata anche la Juventus alla ricerca di un secondo affidabile, ma Sirigu aveva voglia di sentirsi ancora protagonista e Genova sponda rossoblù può essere la piazza ideale.

Attenzione a Belotti e Berardi

Come ogni sessione di mercato, quest’anno più che mai, attenzione a Belotti e Berardi. Due pilastri del gruppo azzurro di Mancini, ancor più importanti per le rispettive squadre, Torino e Sassuolo. Dei leader, delle icone per i propri club.

Belotti e Berardi vengono da due stagioni molto diverse. Il primo ha faticato tantissimo sia a livello personale che, di conseguenza, con il club, ottenendo una salvezza lastminute. Domenico Berardi ha invece fatto una stagione impeccabile, così come un Europeo ottimo quando è stato chiamato in causa. Non a caso, sembra siano parecchie le big inglesi che hanno sondato la bandiera del Sassuolo, mai come quest’anno in rampa di lancio per una grande del calcio europeo. Tuttavia il suo futuro resta un rebus ed è tutt’altro che remota la possibilità che resti ancora una volta a Sassuolo.

Andrea Belotti è invece un nome che gira e rigira ogni sessione di mercato per Roma e Milan, sempre a caccia di una punta. Se il Milan si è però già coperto con Olivier Giroud, ecco che la Roma potrebbe realmente farci un pensierino qualora Dzeko decida di lasciare la causa capitolina. Situazione in evoluzione, forse da ultimi giorni di mercato.

Barella e Chiesa restano, Chiellini rinnova. Insigne?       

Due gioielli, Nicolò Barella e Federico Chiesa. Europeo importante per entrambi, sicuramente qualcosa in più per Chiesa che ha attirato intorno a sé le attenzioni di tutta Europa. La Juventus se lo tiene stretto e, ricordando che deve ancora riscattarlo (lo farà il prossimo giugno), sembra abbia già rifiutato offerte monstre da parte di Bayern Monaco e Chelsea, quest’ultima con base di trattativa fissata a 100 mln di euro.

Chiesa Italia-Austria/ Getty

Per Barella invece non si parla di cifre o di trattative avviate, bensì di sondaggi molto concreti. Sempre il Chelsea di Tuchel di mezzo, ma in questo caso è stato soprattutto il Liverpool ad analizzare la scheda del centrocampista nerazzurro. Così come la Juve per Chiesa, è la stessa l’intenzione dell’Inter nei confronti di Nicolò: incedibile, la squadra ripartirà da lui .

Capitolo rinnovi. Chiellini, un po’ come Gigio Donnarumma, ha iniziato Euro 2020 sotto contratto con un club e lo ha terminato da svincolato. Il suo contratto era in bilico qualche mese fa, ma una volta arrivato Allegri tutto si è risolto: Giorgio Chiellini è prossimo al rinnovo (annuale?) con la Juventus. Chi invece deve ancora fare i conti con la società è Lorenzo Insigne, numero 10 azzurro. Insigne, da leader del Napoli e campione d’Europa in carica, vorrebbe che gli fosse riconosciuto uno status adeguato, chiedendo ormai da tempo un adeguamento (più rinnovo) che ancora fatica ad arrivare. Lorenzo è adesso in vacanza, ma probabilmente questa sarà una trattativa che continuerà a scaldare il calciomercato per buona parte della prossima stagione. Finirà come Gigio Donnarumma al Milan? La cosa certa, al momento, è che Insigne voglia assolutamente restare fedele a Napoli.



Marco Cavallaro