Dona all’UNICEF: sarai per sempre al fianco dei bambini più poveri e indifesi della terra

In questo periodo storico, pieno di crisi economiche, catastrofi naturali e tante, tantissime altre nefaste situazioni, esiste comunque ancora un organo che dedica il proprio focus a fare del bene specialmente a chi non può fare molto per fare valere la propria voce. I bambini.  Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia abbreviato in UNICEF (già United Nations International Children’s Emergency Fund, e dal 1953 United Nations Children’s Fund) è il fondo che sin dalla fine della seconda guerra mondiale si impegna a tutelare i bambini vittime di guerre e più in generale, di tutte quelle situazioni che recano i bambini in uno stato di grave difficoltà. Per capire la forza di questo organo basti pensare che  è presente in 156 paesi e si occupa di assistenza umanitaria per i bambini e le loro madri in tutto il mondo, principalmente nei paesi in via di sviluppo. I bambini ed i ragazzi sotto i 15 anni sono circa 2 miliardi nel mondo. Questo impegno da parte dell’UNICEF è stato riconosciuto con l’attribuzione del Nobel per la Pace nel 1965.

In Italia il Comitato per l’UNICEF nasce ufficialmente nel 1974 ed è parte integrante della struttura globale dell’UNICEF. Recentemente il Comitato Italiano ha reso nota la nuova iniziativa dei Lasciti Testamentari, è  un invito a considerare la possibilità di fare un lascito solidale per salvare la vita dei bambini più poveri e indifesi della terra. Il testamento solidale può essere sotto forma di somma di denaro, tra cui anche titoli azionari e fondi di investimento, beni mobili come opere d’arte gioielli e arredi, beni immobili come un appartamento un terreno o un fabbricato, l’intero patrimonio o una polizza vita. Il testamento può essere scritto in ogni momento e può essere sia olografico (scritto di proprio pugno) che pubblico (redatto da un notaio alla presenza di testimoni). Inoltre è sempre possibile modificarlo, annullarlo o sostituirlo e produce effetti solo al momento dell’apertura della successione. Insomma donare attraverso un lascito testamentario può essere un modo per lasciare un segno tangibile della propria presenza su questa terra anche in un futuro lontano, che potrà cambiare la vita di tanti bambini che non hanno avuto mai niente.



Andrea Calabrò