“Buonanotte papà, Buonanotte Gunner” – La commovente storia di un amore eterno tra padrone e amico peloso

Il vero amore, l’amore più vero e sincero esiste ed è quello che i nostri amici pelosi hanno per noi. Daniel Hove, veterano dell’aeronautica, malato terminale per una cancro al pancreas, amava il suo labrador Gunner come un membro della sua famiglia. Nell’anno 2011, Daniel scoprì di essere ammalato di cancro, da quel momento Gunner non lo lasciò mai da solo, lo accompagnava sempre dovunque andasse. Perfino in ospedale tutti conoscevano Daniel e Gunner, il labrador era ammesso anche nelle stanzette dove veniva somministrata la chemioterapia. Molti raccontano come Gunner aiutasse Daniel, e come si avvicinasse a lui in alcuni momenti come a coglierne la paura e l’ansia per la malattia. Daniel riusciva ad essere se stesso soltanto con Gunner, al quale confidava durante le loro passeggiate lo sconforto di sapere di non poter guarire, con lui riusciva a sopportare anche i dolori più forti, rinunciando a dosi di morfina per non perdere la sua lucidità. In famiglia avevano preparato un lettino per Gunner proprio accanto al letto di Daniel, il labrador ogni notte ed ogni volta che non si sentiva bene non lasciava mai il suo capezzale. Quando i sintomi di Daniel sono peggiorati, il dolore forte lo portava a  tremare, anche Gunner tremava, se Daniel rifiutava il cibo anche Gunner non si avvicinava alla sua ciotola. Quando Daniel è morto, la famiglia si è stretta ma non hanno dimenticato il caro Gunner, che imperterrito non ha lasciato nemmeno in quel caso il suo amato papà umano. A distanza di un ora dalla sua morte, ha deciso di seguirlo sul ponte degli angeli, anche lui ad 11 anni, è morto senza mai allontanarsi dal suo adorato. La figlia di Hove, tra le lacrime per il doppio dolore, ha confessato che è felice che Gunner sia morto dopo suo padre, perchè sarebbe stato un dolore immenso per suo padre doverlo salutare. Così è stato per Gunner che ha deciso di non salutare Daniel, ma di seguirlo per non lasciarsi mai più.



Alessandra Filippello