Crediti: Sir Edward's

Blackhouses, le piccole casette della Scozia

In ogni parte del mondo esistono delle caratteristiche abitazioni, che si differenziano dalle altre per forma e grandezza. Ne sono un esempio quelle della Scozia, dette Blackhouses, perchè piccole e con tetti ricoperti di paglia.

Black appunto nero rappresenta il colore nero delle tegole, a causa della fuliggine provocata dai camini accesi mentre la paglia affumicata viene impiegata dagli scozzesi come fertilizzante nei campi.

Le case come queste, fra il 1945 e il 1965, ricevettero l’acqua corrente e l’elettricità, e le abitazioni furono occupate sino almeno agli anni ’70, quando i più anziani residenti rimasti decisero di trasferirsi in case più moderne, che non richiedevano una continua manutenzione. Sembrava che il villaggio fosse destinato all’oblio, condannato a sgretolarsi e a cadere in rovina.

Nel 1989 invece, Urras nan Gearrannan, un ente locale, iniziò i lavori per la restaurazione e la conservazione di questi edifici storici. Dopo anni di lavoro, le tradizionali case scozzesi sono disponibili per essere affittate dai turisti, sia come alloggi condivisi sia come stanze private. Le case di Gearrannan, chiamate in inglese “BlackHouse”, prendono il nome dalla famiglia che un tempo viveva al loro interno.

Crediti: Pinterest



redazione