Bambino appena nato stringe tra le manine il contraccettivo che non lo avrebbe fatto nascere

Si dice che i bambini all’interno del corpo della madre sentano di tutto, riescano a percepire anche le ansie, sono felici di ascoltare musica ed anche la voce del loro papà. L’attesa della gestazione rende ogni donna sempre più madre e le domande crescono con la paura che il bimbo sia sano che non porti malattie o malformazioni, nessuno si chiede che il piccolo porti omaggi, meno che meno il contraccettivo che utilizzava la mamma, per impedire che proprio lui venisse al mondo. Eppure in Vietnam il figlioletto è venuto al mondo, stringendo tra le manine la spirale della mamma, il famoso contraccettivo, come per dire, e adesso come la mettiamo mammina cara…
La spirale intrauterina è un metodo di contraccezione a lunga durata d’azione, efficace al 99%. Quanto successo in Vietnam rientra in questo piccolo restante 1% di casi: il bimbo è venuto alla luce stringendo nelle mani proprio la spirale che avrebbe dovuto impedirne il concepimento. Le foto che testimoniano il fatto sono state postate online dall’ospedale in cui è avvenuto il parto.

“La mamma aveva già due figli e da circa due anni portava la spirale perché non voleva altri bambini. All’improvviso, però, si è ritrovata incinta alla quinta settimana. La spiegazione più probabile è che il dispositivo si sia spostato dalla posizione originale e corretta, diventando così inefficace”, hanno spiegato i medici dell’ospedale di Hai Phong.I medici spiegano che si tratta di un fatto “rarissimo, ma possibile”; infatti non è la prima volta che si sentono notizie del genere.



Alessandra Filippello