“Insta della spesa”: su Instagram una pagina dedicata alle liste della spesa

In corsivo o in stampatello, con disegni o abbreviazioni, ad elenco o in modo confusionario: ognuno di noi ha il proprio modo di scrivere una lista della spesa. Nonostante la tecnologia, la maggior parte delle persone scelgono ancora di scrivere Su pezzi di carta trovati qua e là”, per dirla alla Biagio Antonacci. La lista della spesa la facciamo tutti. Tante volte la dimentichiamo a casa. Altre tante volte la buttiamo dopo aver comprato quanto annotato. Ma una cosa è certa: ognuno la fa a modo suo.

E’ proprio questa unicità ad aver spinto un ragazzo di Udine ad iniziare una particolare collezione. Il suo nome è Giulio Castoro ed è un ragazzo di San Gottardo, in provincia di Udine. Da questa strana passione è nata insta_della_spesa, la prima pagina dedicata alle liste della spesa. Sono sette anni, infatti, che Giulio posta su Instagram foto  di centinaia e centinaia di liste da lui trovate all’uscita dei supermercati. Altre, invece, provengono direttamente dagli oltre 8.000 follower che seguono la pagina.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Oggi vi auguro tanti limoni ?❤️ • Grazie mille a @francescadt #listadellaspesa #spesa #sanvalentino #limoni

Un post condiviso da INSTA DELLA SPESA (@insta_della_spesa) in data:

“La collezione di liste della spesa è nata quasi per caso nel supermercato vicino a casa mia, a San Gottardo a Udine”, ha dichiarato il 31enne a “Udine Today“.  “Ho iniziato a raccogliere e collezionare le liste della spesa che trovavo abbandonate nei carrelli del supermercato ma  guardandomi bene in giro ho scoperto che non si trovano solo lì, ma ovunque. Sembra assurdo, ma il rito di scrivere la lista delle spesa non è cambiato, nonostante l’avvento di smartphone e della tecnologia”, ha poi raccontato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

PRUNIA e PROSCHUTTO • #listadellaspesa #spesa #mercato #prugna #prosciutto

Un post condiviso da INSTA DELLA SPESA (@insta_della_spesa) in data:

“All’inizio ero attratto da questi fogli stropicciati con le liste ma non capivo bene il perché”, ha spiegato. “Poi man mano che la collezione è aumentata ho capito che mi affascinavano perché era un modo gentile di spiare le persone e le loro abitudini”, ha concluso. E’ proprio quest’ultimo aspetto ad affascinare anche i follower di “insta_della_spesa”. Basta, infatti, una semplice lista della spesa per immaginare le vite di chi le ha scritte, il loro carattere, il loro modo di fare. Per non parlare poi, degli errori e delle parole bizzarre che ci strappano un sorriso. Dopotutto chi non ha mai sbagliato a scrivere la parola yogurt?



Catiuscia Polzella